ESAEducationHomeTempo e climaCambiamento globaleCatastrofi naturali
   
Cambiamento costiero
Delta del DanubioInquinamento da petrolio
Deforestazione
Parco nazionale di BardiaBacino del fiume CongoKameng-SonitpurKilimangiaroRondoniaShillong e Guwahati
Ghiaccio
Analisi dei ghiacciai con immagini radarAntartide 2003Cambiamenti climatici e ghiacciaiRitiro dei ghiacciai nelle AlpiIl flusso glacialeMonitoraggio dei ghiacciai dell'HimalayaIl telerilevamento del ghiaccio e della neve
Urbanizzazione
CairoCórdobaKathmanduHimalayaValle di KathmanduLagos
Vegetazione
Annapurna Conservation AreaSperduti tra le Ande!Ngorongoro Conservation AreaDelta interno del NigerVegetazione in Sud America
 
 
 
 
 
printer friendly page
Informazioni generali
 
Convergenza oceano-continente
 
Le Ande centrali sono un'area compresa tra il 27º Sud, corrispondente all'estremità sud di Puna (l'elevato altopiano andino) e il 39º Sud, dove si trova il lago Aluminé, tra il 69º e il 71º Ovest di longitudine. Si tratta di una striscia allungata di un elevato rilievo montuoso. La regione comprende la vetta più elevata delle Americhe, l'Aconcagua, che raggiunge i 6.959 m sopra il livello del mare.
 
L'origine di queste montagne può essere spiegata con la teoria della tettonica delle placche. La crosta oceanica viene sommersa e causa il movimento (ripiegamento, formazione di vulcani, terremoti) della crosta continentale. In questa regione i terremoti sono molto frequenti. Il 27 febbraio 2010 un terremoto di magnitudo 8.8 della scala Richter si è verificato al largo della costa del Cile centrale.

Il movimento della crosta continentale crea un profilo asimmetrico che a sua volta fa sorgere un pendio scosceso sul lato occidentale e uno meno ripido su quello orientale, formando così una catena montuosa continua. La catena funge da spartiacque e definisce il confine tra Argentina e Cile.  
 

Profile between Muelle Llico (Chile) and Malargue (Argentina)
Profilo tra Muelle Llico (Cile), 34°45'16"S 72°05'03"O e Malargue (Argentina), 35°30'S 69°35'O
 
Questa catena montuosa rappresenta una barriera che costringe i venti da ponente a sollevarsi. Sul lato occidentale della catena (Cile) si verificano copiose precipitazioni orografiche che alimentano fiumi, campi di ghiaccio e ghiacciai. Sul lato argentino delle Ande - a est della catena montuosa - i venti sono secchi a causa delle precipitazioni che si verificano sul lato opposto. Lo spostamento di questi venti verso la parte bassa della montagna crea una bassa umidità e, di conseguenza, la formazione di aree simil-desertiche.
 
 
 


Sperduti tra le Ande!
Sperduti tra le Ande!Introduzione
Esercizi
Esercizio 1: La regione andinaEsercizio 2: Copertura vegetazionale (NDVI) (per studenti universitari)Esercizio 3: Ambientazione geografica dell'incidenteEsercizio 4: Ritorno alla civiltàEsercizio 5: Spedizione "Alive! "Esercizio 6: Workshop multidisciplinare
Eduspace - Software
LEOWorks 3LEOWorks 4 (MacOS)LEOWorks 4 (Windows)LEOWorks 4 (Linux)
Eduspace - Download
Lost_in_the_Andes.zip
More on the Andes tragedy
Wikipedia summary
 
 
 
   Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.