ESA title
Agency

ESA esplora la possibilità di micro lanciatori per piccoli satelliti

09/02/2018 846 views 4 likes
ESA / Space in Member States / Italy

I piccoli satelliti normalmente sfruttano le missioni più grandi per il lancio, ma trovare il giusto accoppiamento risulta difficile in quanto la data di lancio e l'orbita sono dettati dal carico utile principale.

Un micro lanciatore può portare un piccolo satellite - tipicamente usato per l'osservazione della Terra, le dimostrazioni di tecnologia, la didattica e le telecomunicazioni - in orbita bassa partendo da terra o da una piattaforma aerea.

L'ESA ha scelto cinque studi di fattibilità dall'industria, che propongono un micro lanciatore economicamente valido, auto sufficiente dal punto di vista commerciale, senza fondi pubblici.

"Un micro lanciatore europeo commerciale può soddisfare le crescenti necessità di servizi di lancio dedicati alle società con piccoli satelliti" ha commentato Jerome Breteau, responsabile del Programma Preliminare per i Futuri Lanciatori dell'ESA.

ArianeGroup, MT-Aerospace, ELV, Deimos e PLD Space stanno portando avanti degli studi.

In Francia, ArianeGroup propone Q@ts – Quick Access to Space (accesso veloce allo spazio) – un veicolo a tre stadi con una massa di lancio di 23 tonnellate, utilizzando la propulsione ibrida che include perossido di idrogeno.

MT-Aerospace, in Germania, offre quattro concetti con capacità di lancio da terra, aerea o dalla stratosfera: MTA, WARR, Bloostar e Daneo.

Bloostar
Bloostar

MTA e WARR, a propellente liquido, sono lanciati da terra. L'MTA a due stadi è di 20 tonnellate al decollo, mentre il WARR a tre stadi è di 5 tonnellate al decollo.

Bloostar e Daneo sono lanciati da piattaforme aeree, consentendo una massa inferiore al decollo. Bloostar è un sistema di lancio stratosferico sviluppato da Zero 2 Infinity.

Daneo
Daneo

Una mongolfiera porta Bloostar, del peso di quasi 5 tonnellate, ad un'altitudine di 20 km per poi separarsi. Il veicolo a tre stadi utilizza quindi la propulsione liquida per raggiungere l'orbita.

Un velivolo Falcon 2000 porta il Daneo, di 4 tonnellate, ad un'altitudine di 15 km. Daneo raggiunge l'orbita utilizzando due stadi a propellente solido seguiti da un terzo stadio a propellente liquido.

L'italiana ELV propone due configurazioni che si basano sulla propulsione comune a Vega, ed alla prossima generazione di veicoli Vega-C ed –E. Condividere gli elementi esistenti e quelli in via di sviluppo ridurrebbe i costi.

Quick Launch Vehicle
Quick Launch Vehicle

Il Quick Launch Vehicle comprende due stadi a propellente solido seguito da un terzo stadio a propellente liquido.

Final Launch Vehicle
Final Launch Vehicle

Il Final Launch Vehicle comprende un motore con primo stadio solido del Vega-C ed un secondo stadio che utilizza propellente liquido ad ossigeno-metano in comune con il lanciatore di prossima generazione, Vega-E.

In Portogallo, Deimos propone un lanciatore a due stadi che utilizza propellente liquido, con una massa al decollo di 17 tonnellate.

Arion 2
Arion 2

La start-up spagnola PLD Space propone Arion 2, un veicolo di lancio verticale con una massa al decollo di 14 tonnellate. Utilizza elementi comuni con il proprio dimostratore sub orbitale ed è alimentato da motori ad ossigeno-kerosene liquido.

Related Links