A Torino la storia dello spazio

Centro multifunzionale spaziale
16 Ottobre 2003

È stata inaugurata la settimana scorsa la mostra “Torino e lo Spazio: la Storia continua”, patrocinata da ESA e ASI, e organizzata da Finmeccanica, Camera di Commercio di Torino, la Provincia di Torino e la Regione Piemonte.

Questa mostra, che chiuderà al fine anno, rappresenta egregiamente quarant’anni d’attività spaziale italiana ed europea. Allestita a Torino in Corso Marche, negli edifici della ALTEC, la società costituita da Alenia Spazio, da ASI e dal Consorzio Icarus di cui fanno parte le Istituzioni piemontesi, la mostra accoglie il visitatore coinvolgendolo nella grandiosità delle enormi camere, un tempo usate come “camere pulite” per l’assemblaggio dei satelliti, e dei lunghi corridoi a vetrate, ristrutturati per l’occasione.

Proprio l’opera di recupero architettonico e funzionale su strutture troppo recenti per poter parlare di archeologia industriale garantisce lo svolgimento tematico della mostra: la visita dell’edificio con le imponenti strutture, come la “green room”, la “clean room” e la piscina di prove e la conoscenza delle attività che vi si svolgono sono già per se stesse un motivo di attrazione e di notevole interesse.

Umberto Guidoni in training
Umberto Guidono nella fase di addestramento

E qui sono state alloggiate straordinarie riproduzioni in grande scala dei satelliti e dei moduli spaziali che l’Italia ha contribuito a progettare e costruire e che a Torino nell’area industriale di Alenia sono stati montati. Nella sala della piscina per la simulazione della gravità un manichino di astronauta simula, nella tuta spaziale per le attività extraveicolari, le condizioni in cui vivono e si muovono gli astronauti in orbita nell’ISS, la Stazione Spaziale Internazionale, che può essere ammirata in un modello completo sospeso. Nei corridoi saranno visibili le sonde che hanno permesso le missioni scientifiche spaziali, come il Tethered - il satellite al guinzaglio - portato in orbita con lo Shuttle e studiato sempre in orbita dall’astronauta dell’ESA Umberto Guidoni. Inoltre i visitatori seguiti da accompagnatori esperti assisteranno anche alla visione di magnifici filmati dallo Spazio.

L’ESA, che ha fornito modelli satellitari e materiale di divulgazione, patrocina questa mostra, unica nel suo genere nel nostro Paese, per sottolineare il ruolo importantissimo che l’Italia e Torino rivestono nell’ambito di avanzate competenze e tecnologie spaziali nei programmi e nelle missioni europee.

Per ulteriori informazioni, contattare:
Simonetta Cheli
ESA-ESRIN
Head of Public and Institutional Relations Office
Simonetta.cheli@esa.int

Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.