Due giorni per decidere il futuro dello Spazio in Europa: breve introduzione all'ESA

MC 2012 visual brand
15 Novembre 2012

La prossima settimana sarà stabilito il futuro del settore spaziale europeo, quando i ministri dei 20 Stati Membri dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA) si incontreranno in Italia. Scoprite qui perché i temi da discutere sono di vitale importanza per tutti gli europei.

I Ministri dei 20 Stati Membri dell'ESA e del Canada, incaricati delle attività spaziali, si incontreranno a Napoli il 20 e 21 novembre per concordare i futuri programmi spaziali dell'ESA, con lo scopo di incentivare la competitività e la crescita dell'Europa di pari passo con il progresso scientifico.

Il dibattito sarà ampio: l'Agenzia – un'organizzazione intergovernativa di Nazioni europee – è una delle poche entità al mondo attiva in tutte le aree spaziali: si va dall'esplorazione dello spazio e salvaguardia dell'ambiente terrestre al contemporaneo accrescimento della conoscenza tecnica e della competitività economica del nostro continente.

Scoprite di più sul Consiglio dell'ESA a livello ministeriale nelle pagine web ufficiali Ministerial Council 2012, dove trovate informazioni di base, ultime notizie, immagini e video correlati.

La cooperazione europea nello spazio può essere fatta risalire ai primi anni '60 quando sei Paei europei formarono ELDO, l'organizzazione europea per lo sviluppo di un lanciatore (European Launcher Development Organisation).

Nel 1962, ESRO, l'organizzazione europea per la ricerca spaziale (European Space Research Organisation) fu creata da quegli stessi Paesi più altri quattro.

Meno di 20 anni prima le nazioni governate da questi capi visionari erano impegnate in una guerra. Quell'esperienza amara li convinse tutti che la cooperazione piuttosto che la competizione era il miglior modo di impegnarsi per conquistare il territorio sconosciuto dello spazio.

Molto di più poteva essere fatto nello spazio lavorando insieme di quanto una nazione potesse raggiungere da sola.

ELDO si focalizzava solamente sui lanciatori ed ESRO sulle scienze dello spazio, ma quando la vasta portata economica dello spazio divenne chiara, fu necessaria un'organizzazione più ampia: l'Agenzia Spaziale Europea, posta in essere nel 1975.

Da allora, l'ESA ha guidato l'industria spaziale europea fino a farla diventare una potenza mondiale – con un fatturato annuale di 6 miliardi di euro, impiegando direttamente 35.000 professionisti qualificati – che sono in prima fila nelle telecomunicazioni globali e nel mercato dei lanciatori, così come le missioni europee astronomiche, di scienza della Terra e di scienza planetaria non sono seconde a nessuno.

Il numero di occupati nell'indotto spaziale in Europa, includendo anche gli impieghi dei settori a valle, è dieci volte questo numero.

E tutto questo per il costo medio di un biglietto di cinema per cittadino europeo all'anno. Il ruolo di guida dell'ESA ed il continuo supporto delle delegazioni dei suoi Stati Membri hanno forgiato un'industria vincente per i contratti sul mercato aperto globale. Guardate questo video per scoprirne di più:

Loading...

Ispiranti visioni del cosmo acquisite dalle missioni ESA hanno cambiato il modo in cui l'uomo percepisce l'Universo – e la Terra.

MC book

Dai satelliti di meteorologia alle telecomunicazioni basate sullo spazio, dalla navigazione al monitoraggio ambientale, i sistemi spaziali che l'ESA ha progettato e messo in atto hanno contribuito a rafforzare l'indipendenza strategica dell'Europa e la nostra comune prosperità.

Per saperne di più sui molti e vari impatti che l'ESA ha avuto sull'Europa e sul mondo, leggete il nostro nuovo libro: The ESA Effect

Spendere nello spazio si è rivelato un solido investimento, incentivato da un effetto moltiplicatore: ogni euro investito nello spazio restituisce molte volte il suo valore ad un'economia più ampia. Investire nello spazio è investire nella conoscenza, nell'innovazione e nell'ispirazione.

Lo spazio contribuisce alla crescita, all'impiego e alla competitività attraverso molti settori economici, essendo al contempo largamente immune dalla necessità di risorse esterne. Una nuova animazione spiega questo fondamentale ritorno sugli investimenti:

Loading...

In un momento in cui l'Europa fronteggia la sfida di un mondo in continua evoluzione, fare innovazione ha più valore che mai.

MC thematic brochures

Trovando nuovi modi di fare nuove cose, la ricerca e lo sviluppo dell'ESA creano nuovi posti di lavoro, attività imprenditoriali ed intere industrie di alto valore aggiunto.

Questi nuovi opuscoli, prodotti per il Consiglio a livello ministeriale, mostrano nei fatti perché lo spazio è così importante per l'Europa: ESA: Boosting Europe's competitiveness and growth

Come meglio stabilire un piano di azione per lo spazio – un regno di possibilità infinite? Storicamente, ESA è stata organizzata intorno ad un compromesso molto europeo, racchiuso nella Convenzione ESA.

Il solo impegno obbligatorio per gli Stati Membri dell'ESA è il programma scientifico dell'Agenzia, insieme alle ricerche e tecnologie di base ed al sovvenzionamento delle infrastrutture operative. Il supporto agli altri programmi dell'ESA è opzionale. Questo si è rivelato un metodo di organizzazione straordinariamente robusto e flessibile, permettendo agli Stati Membri di favorire le priorità nazionali raccogliendo i benefici dell’azione collettiva.

Il sistema pone i termini dei differenti campi di attività dell'ESA. Le questioni programmatiche in gioco al Consiglio a livello ministeriale sono definite nei video seguenti:

Down to Earth

Tutti questi sforzi hanno avuto un effetto sulla vita di tutti i giorni? Certamente – guardate voi stessi nella nuova applicazione dell'Agenzia "Down to Earth" e interagite collegandovi a: Join the conversation!

Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.