Due scuole italiane contattano la ISS via radiomatoriale

La Stazione Spaziale Internazionale mentre sorvola l'Italia
6 Novembre 2008

Lo spazio diventa ogni giorno più accessibile, soprattutto per gli studenti, anche grazie all’impegno e alla passione dei radioamatori ARISS (Amateur Radio on the International Space Station), un gruppo di volontari che si dedica a gestire e organizzare la partecipazione dei radioamatori a bordo della Stazione Spaziale Internazionale e ai quali le Agenzie Spaziali hanno affidato il compito di organizzare contatti ARISS nelle Scuole con il supporto dei loro equipaggiamenti di comunicazione radio.

La stazione ARISS a bordo della ISS, infatti, oltre a garantire una piattaforma spaziale permanente alla comunità mondiale dei radio amatori e un mezzo per le comunicazioni dell’equipaggio permanente durante il tempo libero, viene utilizzata con grande frequenza per questa attività chiamata ‘ARISS School contact’ organizzata per creare un punto di ‘contatto’ tra il mondo della scuola e lo spazio. Più precisamente gli studenti, cioè le generazioni di domani, prendono consapevolezza delle missioni umane sulla ISS e dell'esplorazione dello Spazio in genere, e si addentrano inoltre nell’attività di Radioamatore.

I radioamatori italiani sono molto attivi. Le scuole italiane, infatti, rappresentano il 40% delle scuole europee candidate ad un collegamento ARISS ed ottobre è stato un mese particolarmente fortunato. Il 28 ottobre la Scuola Media Statale ‘’Donato Forlani’’di Conversano, in provincia di Bari, ha stabilito un contatto diretto con la Stazione Spaziale, mentre il 30 ottobre è stata la volta della Scuola paritaria primaria ‘’Santa Teresa del Bambin Gesù’’ di Roma.

In entrambe le occasioni, gli studenti per meno di 10 minuti - il tempo equivalente al passaggio della ISS sopra l’Europa - hanno riposto sotto i banchi libri e quaderni per iniziare una lezione molto speciale: un contatto in diretta con il comandante di bordo della Stazione Spaziale, l’astronauta statunitense Mike Fincke, attualmente membro dell’equipaggio permanente della ISS, la quale ha come codice radioamatoriale ‘NA1SS’.

Le due scuole si sono trasformate nel team di operatori di un ideale centro di controllo della ISS, divenendo parte di una vera e propria missione spaziale e protagonisti di un’attività pianificata tra le tante che l’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale deve condurre quotidianamente.

Scuola Media Statale ’Donato Forlani’

Le entusiaste squadre di giovani scolari, preparati durante la settimana precedente al contatto, hanno posto in inglese le loro domande al Comandante Finche che, in entrambe le occasioni, ha simpaticamente salutato in italiano il pubblico presente, composto da una gremita quanto attenta rappresentanza di genitori, insegnanti, scolari, visitatori e persino mass media.

Il contenuto delle varie domande ha messo in luce il grande interesse dei giovani nei confronti dello spazio e il loro insaziabile desiderio di conoscenza - soprattutto rispetto alla vita quotidiana degli astronauti a bordo della ISS – a metà strada tra l’interesse scientifico e la fantasia, risultato di un mondo bellissimo fatto di sogni e curiosità come solo quello dei più giovani può essere.

Scuola paritaria primaria ’Santa Teresa del Bambin Gesù’

Quasi tutti i ragazzi almeno una volta nella vita hanno pensato di voler diventare astronauti da grandi: forse non tutti ce la faranno ad arrivare fin lassù, ma intanto, c’è chi lavora con grande professionalità ed entusiasmo per portare loro un po’ di spazio sulla Terra. E allora appuntamento a dicembre con i prossimi contatti ARISS in Italia.

È possibile consultare il bollettino dell’evento presso la Scuola ‘’Donato Forlani’’ di Conversano cliccando qui e quello della Scuola ‘’Santa Teresa del Bambin Gesù’’ di Roma cliccando qui

I contatti ARISS nelle scuole riscuotono sempre più successo, anche tra i media

L’attività ARISS viene condotta e realizzata volontariamente dai Radioamatori mediante i loro equipaggiamenti installati nelle Scuole, del tutto simili a quelli installati bordo della ISS. I Radioamatori con questa attività contribuiscono in maniere esemplare all'educazione adempiendo egregiamente alla loro prima prerogativa, la divulgazione tecnica e scientifica. Quando un collegamento ARISS avviene per via diretta sopra i cieli dell’Europa viene diffuso un bollettino via e-mail agli iscritti alla lista “ARISS-Europe News Bulletin mailing list ” . Tutti sono invitati a partecipare all’ascolto del collegamento ARISS, il pubblico ed i Media L’ascolto può essere condotto dai radioamatori, che non hanno la visibilità con la ISS, anche per mezzo di sistemi VoIP dedicati. In pratica, l’audio del collegamento è diffuso via Internet.

La lista completa dei bollettini emessi da ARISS Europe relativi agli eventi è disponibile a: http://www.ariss-eu.org/archive.htm

I Radioamatori italiani organizzano l’ascolto direttamente nelle diverse scuole in Italia. Questo viene fatto allo scopo di incrementare la condivisione e la partecipazione al collegamento, ma anche per verificare metodi ed equipaggiamenti delle stazioni di Radioamatore di scuole che sono candidate ad un collegamento ARISS. I Radioamatori colgono anche l’occasione di provare vecchi e nuovi metodi di comunicazione, come proporre a distanza le immagini di quanto accade nel sito del collegamento ARISS, mediante Televisione Amatoriale (amateur Television).

Le scuole in Italia interessate ad un contatto ARISS con la Stazione Spaziale Internazionale possono rivolgersi a Francesco De Paolis, segretario nazionale di AMSAT Italia e mentore di ARISS-Europe, a:

francesco.de-paolis@libero.it
Tel :+39 0766 20 232
Cell: +39 329 6135121

Per maggiori informazioni sulla partecipazione dell’Europa nella Stazione Spaziale Internazionale, si prega di contattare Dieter Isakeit, responsabile dell’Ufficio Comunicazione di ESA/ESRIN, a:

Dieter.Isakeit@esa.int
Tel: +39 06 941 80 950
Fax: +39 06 941 80 952

Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.