Firmati i contratti di sviluppo per il piccolo lanciatore Vega e il motore a combustibile solido P80

I contratti sono stati firmati oggi a Roma
25 Febbraio 2003

ESA PR 11-2003. Oggi l’ESA ha siglato con ELV Company il contratto del completamento della fase di sviluppo del programma del piccolo lanciatore Vega, mentre CNES ha firmato – a nome di ESA – il contratto con Fiat Avio per lo sviluppo del motore a combustibile solido P80.

I contratti sono stati firmati a Colleferro (Roma), nel complesso di Fiat Avio alla presenza di rappresentanti del Governo italiano, di ESA, ASI, Arianespace, CNES ed ELV.

Lo step1 del programma del piccolo lanciatore Vega era stato approntato dal Council dell’ESA nel giugno 1998. Il finanziamento di entrambe i programmi Vega e P80 sono stati approvati dagli Stati partecipanti nel dicembre 2000.

L’Italia è il principale contribuente del programma Vega con la quota del 65%; gli altri Stati partecipanti sono Belgio, Francia, Olanda, Spagna, Svezia e Svizzera. Contribuiscono al programma P80 Belgio, Francia, Italia e Olanda.

La ELV Company sarà il prime contractor del lanciatore Vega. I suoi azionisti sono Fiat Avio (70%) e ASI (30%). Fiat Avio sarà il prime contractor per il programma P80 e vi investirà i suoi fondi, sulla base del finanziamento pubblico italiano.

La configurazione del piccolo lanciatore Vega consiste in tre stadi a propellente solido: il primo stadio P80, il secondo stadio Zefiro 23, e il terzo stadio Zefiro 9, oltre a un modulo superiore a propulsione liquida chiamato AVUM.

Vega launcher artist view
Vega potrà trasportare carico utile fino a 1500 Kg

Vega potrà trasportare carico utile fino a 1500 Kg , portandolo a un’orbita circolare di 700 Km di quota. La base di lancio che verrà usata per Vega sarà il porto spaziale europeo a Kourou nella Guaina francese.

Arianespace sarà l’operatore commerciale per Vega. Il primo lancio di qualificazione per il piccolo lanciatore Vega è stato pianificato per la metà del 2006. La frequenza sarà di circa 3 o 4 lanci all’anno.

Il P80 ha due obiettivi: servirà come primo stadio per il lanciatore e svilupperà nuove tecnologie per il prossimo booster A5 a propellente solido.

Un Integrated Project Team (IPT), con personale proveniente dalle Agenzie Spaziali europee, italiane e francesi (ESA, ASI e CNES), gestirà il contratto del lanciatore Vega e assicurerà coerenza all’intero sistema. L’IPT opera a ESRIN, lo stabilimento italiano dell’ESA, presso Roma.

Il contratto P80 sarà gestito, sotto l’autorità dell’IPT, dal CNES con un team dedicato che vede integrato personale ESA e ASI. Il team del P80 opera nello stabilimento del CNES di EVRY, presso Parigi.

Il valore del contratto di sviluppo per il lanciatore Vega è di 221 milioni di euro. Il valore del contratto di sviluppo del P80 è di 40 milioni di euro.

Per ulteriori informazioni, rivolgersi a:

Simonetta Cheli
ESA/ESRIN
Tel: +39.06.9418.0350
Fax: +39.06.9418.0352

Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.