Galileo: completati al Centro Spaziale del Fucino di Telespazio i test sui primi due satelliti della costellazione satellitare

Il Centro Spaziale al Fucino
3 Aprile 2012

I primi due satelliti operativi della costellazione Galileo, lanciati il 21 ottobre scorso, hanno superato brillantemente un ulteriore test che ne convalida le performance.

Le attività si sono svolte al centro Spaziale del Fucino di Telespazio, e vanno a completare i test effettuati a Redu, in Belgio, il Centro dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA) specializzato nel controllo di satelliti di telecomunicazione dell'ESA.

Galileo IOT L-band antenna at Redu
Antenna L-Band a Redu

Le attività al Fucino sono state coordinate dalla Spaceopal, una joint-venture tra Telespazio (gruppo Finmeccanica/Thales) e DLR-GfR, l'Agenzia Spaziale Tedesca. Il test prevedeva la ricezione e quindi la validazione della funzionalità dei segnali criptati che consentiranno l'offerta dei servizi Galileo PRS (Public Regulated Services – Servizi Pubblici Regolamentati) a enti governativi, organi di sicurezza, Protezione Civile.

Spaceopal è responsabile della realizzazione e della gestione dei due centri spaziali per il controllo della missione Galileo. In particolare al Fucino, in Abruzzo, si trova il Centro di Controllo GCC (Galileo Control Centre), dedicato alla gestione della missione e del segnale Galileo. Ad Oberpfaffenhofen invece, in Germania, vicino Monaco di Baviera, Spaceopal ha realizzato il GCC che controllerà la costellazione satellitare. Tuttavia entrambi i Centri saranno in grado, nella loro configurazione finale, di gestire sia le attività di controllo della costellazione che le attività di missione.

Redu

Una rete mondiale di stazioni di Terra, dalla Nuova Caledonia all'Antartide, controlla continuamente l'accuratezza dei segnali di Galileo.

L'attuale fase IOV (In Orbit Validation) del programma Galileo, che si completerà con il lancio dei prossimi due satelliti, prosegue con una intensiva campagna di test per validare le prestazioni del sistema e testare i futuri servizi di navigazione e localizzazione.

Con il lancio dei successivi satelliti seguirà la fase operativa, che porterà al completamento del sistema, in cui il Centro di Controllo del Fucino gestirà le attività della missione Galileo relative alla generazione e alla trasmissione a bordo del messaggio di navigazione, alla conseguente fornitura all'utenza dei servizi di navigazione, al monitoraggio della qualità del servizio, e alla gestione del segmento terrestre del sistema.

Galileo satellites
I primi due satelliti Galileo IOV

Il programma Galileo costituisce l'iniziativa europea per un sistema di navigazione satellitare globale allo stato dell'arte, sviluppata congiuntamente dall'Unione Europea e dall'Agenzia Spaziale Europea (ESA). La fase di definizione e sviluppo così come la fase IOV del programma Galileo sono gestite dall'ESA e co-finanziate dalla Commissione Europea. La fase FOC (Full Operational Capability) del programma è gestita e interamente finanziata dall'Unione Europea. La Commissione e l'ESA hanno firmato un accordo in base al quale l'ESA agisce come "design and procurement agent" per conto della Commissione.

Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.