I due astronauti dell'ESA tornano a Terra

23 Dicembre 2006

ESA PR 49-2006. La scorsa notte, alle 23:32 CET (22:32 UTC/GMT), lo Space Shuttle Discovery è atterrato a Cape Canaveral, in Florida, a completamento di una delle missioni di assemblaggio più complesse finora mai compiute alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), riportando a terra i due astronauti dell'ESA Christer Fuglesang e Thomas Reiter.

Il ritorno del Discovery segna la fine della missione STS-116 della NASA, che ha portato a bordo della ISS un nuovo segmento della struttura portante, oltre a rifornimenti ed apparecchiature. Anche l'ESA festeggia il completamento di due missioni con equipaggio: Astrolab con Thomas Reiter e Celsius con Christer Fuglesang.

Dopo l'atterraggio gli astronauti verranno sottoposti a visite mediche nell'ambito degli esperimenti a cui hanno partecipato e faranno quindi ritorno al Johnson Space Center della NASA a Houston, Texas, per il debriefing.

Risultati della missione Astrolab

Thomas Reiter
Thomas Reiter

La missione Astrolab è iniziata il 4 luglio scorso, quando l'astronauta tedesco dell'ESA Thomas Reiter ha lasciato la Terra a bordo del precedente volo del Discovery. Due giorni più tardi, Reiter ha preso servizio come ingegnere di volo a bordo della ISS, occupando la posizione di terzo membro dell'equipaggio permanente, che era stata lasciata vacante per 38 mesi, a seguito della prolungata permanenza a terra dello Shuttle dopo la tragica perdita del Columbia nel febbraio del 2003.

In qualità di specialista di grande esperienza nell'installazione di stazioni spaziali, Thomas Reiter ha eseguito numerose attività operative e di manutenzione per entrambi i segmenti statunitense e russo della ISS. A supporto di esperimenti scientifici internazionali, Reiter ha inoltre utilizzato diverse apparecchiature di ricerca. L'astronauta tedesco ha condotto un programma di esperimenti europei nei campi della fisiologia e psicologia umana, microbiologia, fisica del plasma e dosimetria, oltre a dimostrazioni tecnologiche, esperimenti industriali e didattici per università e scuole primarie e secondarie.

Il 3 agosto Reiter ha lasciato la ISS per 5 ore e 54 minuti assieme all'astronauta della NASA Jeffrey Williams, per installare delle nuove apparecchiature in vista delle future operazioni di assemblaggio e per montare alcuni strumenti ed esperimenti all'esterno della Stazione.

Durante la sua permanenza a bordo, Thomas Reiter ha testato una telecamera a 3D e una telecamera HD, filmando scene di vita all'interno della Stazione. In futuro queste telecamere saranno utilizzate per condividere con il pubblico sulla Terra la sensazione unica di vivere e lavorare nello spazio.

Per Astrolab Thomas Reiter ha trascorso oltre 171 giorni nello spazio, che, aggiunti ai precedenti 179 giorni al suo attivo per la missione Euromir 95 dal settembre 1995 al febbraio 1996, gli consentono di conseguire il nuovo record europeo di permanenza cumulativa nello spazio.

Celsius prepara la ISS a ingrandirsi

Fuglesang with Altcriss detector
Christer Fuglesang

L'astronauta dell'ESA Christer Fuglesang, il primo svedese ad andare nello spazio, ha lasciato la Terra a bordo del volo del Discovery del 10 dicembre. Fuglesang ha trascorso 13 giorni nello spazio, con un fitto programma di attività.

Il suo ruolo di specialista di missione nell'equipaggio NASA includeva compiti quali assicurare l'attracco dello Shuttle alla ISS, fornire assistenza nell'operazione di ritrazione di uno dei pannelli solari della Stazione lungo 34 metri, trasferire rifornimenti e apparecchiature dallo Shuttle alla Stazione e rilasciare tre microsatelliti dal vano di carico dello Shuttle dopo la manovra di distacco.

Il suo compito più importante, però, è stato quello di eseguire tre passeggiate nello spazio molto impegnative. Le prime due, compiute durante le notti del 12/13 e 14/15 dicembre, facevano parte del programma originale. Nel corso di queste uscite Fuglesang e l'astronauta della NASA Robert Curbeam hanno potuto eseguire diverse attività: attaccare un nuovo segmento alla struttura portante della ISS, ricollegare linee di alimentazione e circuiti del controllo termico, per consentire l'inserimento di un nuovo gruppo di pannelli solari e il futuro trasferimento del gruppo originale dalla attuale sede temporanea a quella definitiva, e infine trasferire i carrelli portautensili e sostituire una telecamera per l'arrivo e l'assemblaggio di un nuovo segmento della struttura portante.

La terza passeggiata nello spazio, avvenuta nella notte fra il 18 e il 19 dicembre, non era prevista. E’ stata decisa in seguito alle difficoltà incontrate dall'equipaggio, nella ritrazione di uno dei pannelli solari originali della Stazione. Durante la passeggiata Fuglesang e Curbeam sono riusciti a liberare il pannello incastrato.

Salute e morale per i futuri viaggi a lunga durata

Christer Fuglesang and Thomas Reiter
Reiter e Fuglesang

Durante il volo Thomas Reiter e Christer Fuglesang hanno raccolto dati sulla loro esposizione ai raggi cosmici durante le attività eseguite all'interno e all'esterno della ISS. Grazie agli esperimenti condotti a bordo con le apparecchiature ALTEA per monitorare le particelle ad alta energia che attraversano il cranio degli astronauti nell'orbita terrestre inferiore e per valutare l'influenza di tali raggi sui loro cromosomi al ritorno sulla Terra, sarà possibile ottenere dati di grande utilità per scienziati e medici, al fine di valutare i rischi correlati ai raggi cosmici per le future missioni a lunga durata e in particolare per i voli oltre l'orbita terrestre.

Le missioni Astrolab e Celsius hanno inoltre offerto l'opportunità di diversificare gli alimenti a bordo della stazione orbitante. Alla fine di novembre Thomas Reiter e i suoi compagni di equipaggio della ISS Michael Lopez-Alegria e Mikhail Tyurin hanno assaggiato e testato uno speciale banchetto spaziale, preparato dalla squadra del famoso chef francese Alain Ducasse, nell'ambito di un programma studiato per migliorare la qualità di vita nelle missioni spaziali di lunga durata con equipaggio. Qualche settimana più tardi, Christer Fuglesang ha portato con sé alcune specialità alimentari svedesi, incluse salsicce di alce e caramelle toffee, per aggiungere un gusto scandinavo al suo soggiorno.

L'Europa sulla ISS per rimanervi

Columbus laboratory (cutaway view)
Columbus

Astrolab e Celsius sono state le prime di una serie di missioni che l'ESA compirà alla Stazione Spaziale Internazionale. L'Europa, in qualità di partner a pieno titolo della ISS, è fermamente impegnata a svolgere il proprio compito, partecipando alle operazioni di manutenzione e assemblaggio, con moduli europei che verranno presto inviati nello spazio.

“Thomas e Christer hanno dimostrato che l'Europa svolge oggi un ruolo di primo piano nelle attività operative e nell'assemblaggio della ISS”, ha affermato Daniel Sacotte, Direttore dell'ESA per i voli umani nello spazio . “Questa è l'alba di una nuova era per le missioni dell'ESA con equipaggio nello spazio. Non siamo più visitatori in orbita, ma siamo tra i proprietari. Ciò significa che ci assumiamo le nostre responsabilità e beneficiamo dei vantaggi”.

The Automated Transfer Vehicle
ATV

“La missione Celsius rappresenta un ulteriore passo avanti nello sviluppo della nostra infrastruttura internazionale in orbita”, ha continuato Sacotte. “Grazie a Christer e a tutti i membri dell'equipaggio della STS-116, la ISS è ora pronta a ricevere le nuove ali solari che daranno energia ai nuovi moduli, incluso il laboratorio Columbus dell'ESA e l'Automated Transfer Vehicle (ATV), due dei progetti più importanti dell'ESA per il prossimo anno”.

Nel 2007 l'ESA prevede di portare almeno altri due astronauti sulla Stazione per missioni di assemblaggio. Si sta inoltre valutando la possibilità di portarne un terzo, nella prospettiva che venga assegnato a un secondo astronauta europeo un posto nell'equipaggio permanente della Stazione.

I contributi già approvati includono i voli dell'italiano Paolo Nespoli durante l'estate, nella missione STS-120per il trasferimento del modulo Nodo 2, e del tedesco Hans Schlegel, nella missione STS-122 che accompagnerà il laboratorio Columbus dell'ESA nel prossimo autunno. Il volo di lunga durata del francese Leopold Eyharts è attualmente in corso di discussione con la NASA.

Nel frattempo Thomas Reiter e Christer Fuglesang ritorneranno in Europa all'inizio del prossimo anno. Reiter sarà di nuovo in Germania a metà gennaio. La prima conferenza stampa dell'astronauta tedesco e di Christer Fuglesang è prevista per giovedì 18 gennaio presso il Centro Astronautico Europeo (EAC) di Colonia. L'ESA fornirà ulteriori dettagli su questo evento mediatico all'inizio di gennaio.

Per ulteriori informazioni, contattare:

ESA Media Relations Office
Tel.: +33(0)1 53 69 71 55
Fax: +33(0)1 53 69 76 90

Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.