Il respiro dell’Etna: l’ESA e il Digital Party

Per vedere l'animazione
11 Ottobre 2006

Osservato dall’alto l’Etna appare un'immensa creatura che respira irregolarmente: il terreno intorno al vulcano si tende e si innalza fino a 15 centimetri, per poi tornare pian piano a sgonfiarsi, in un crescendo ritmato fra un’eruzione e l’altra, mentre i polmoni della montagna si riempiono e si svuotano convulsamente di lava e gas.

“Il respiro dell’Etna, simulazione di variazioni altimetriche dell’Etna” è solo uno dei video 3D che l’ESA presenta in mostra alla Galleria Gommata, l´area polivalente dell´Audiorium, nell’ambito del Digital Party , la sezione dedicata alle nuove tecnologie della Festa internazionale del Cinema di Roma che apre i battenti il prossimo 13 ottobre.

E se nell’ambito del Digital Party sarà ricreato un vero e proprio attore virtuale, i video dell’ESA sono il risultato di veri e propri cineoperatori spaziali, come i satelliti dell’ESA ERS-1 ed ERS-2. Nel caso de “Il respiro dell’Etna”, per esempio, sono stati necessari 8 anni di monitoraggio dallo spazio, dal 1992 al 2000, per originare i poco più di 60 secondi di questo stupefacente filmato. ERS-1 ed ERS-2 hanno raccolto dati attraverso il radar di bordo ad apertura sintetica (SAR), in grado di osservare la Terra oltre la coltre nuvolosa, sia di giorno che di notte. I dati scientifici sono stati utilizzati per originare una serie di interferogrammi, poi accuratamente “montati” in sequenza e colorati artificialmente a comporre uno spettacolare modello digitale di elevazione (DEM, Digital Elevation Model).

Etna radar interferometry
L'Etna

In generale, la selezione di filmati 3D che l’ESA propone nell’ambito della Festa internazionale del Cinema di Roma mostrano la potenza dell’elaborazione digitale delle osservazioni da satellite, che si propone come un nuovo modo di rappresentare la realtà.

Ne è un esempio la ricostruzione dell’area di Roma e dei Castelli Romani. Attraverso la sovrapposizione di osservazioni satellitari ottenute con strumenti e metodi complementari fra loro, il filmato 3D, basato su un modello digitale di elevazione prodotto dall’Esercito Italiano, ci permette di volare sul Lazio utilizzando occhi in grado di vedere particolari diversi del territorio. Alle immagini radio raccolte dal satellite statunitense Landsat7, che discriminano le aree urbanizzate da quelle dedicate alla coltivazione, sono state sovrapposte immagini ad altissima risoluzione (1 metro) raccolte dal satellite commerciale Ikonos. Alla scena, infine, sono state aggiunti modelli tridimensionali di aree specifiche: il Colosseo, gli edifici principali di Frascati e la sede dello stabilimento ESRIN dell’ESA.

Allo stesso modo, il video 3D che mostra il fenomeno noto come El Niño, che porta a un incremento della temperatura superficiale della zona centrale dell’Oceano Pacifico di almeno 0,5 C, permette di visualizzare contemporaneamente – grazie ai dati raccolti dai vari strumenti a bordo di ERS-2 dell’ESA- l’altezza delle onde, la direzione dei venti, l’eccesso o il difetto di temperatura superficiale dei mari e l’abbondanza di clorofilla, attraverso un’opportuna colorazione artificiale. Ancora meno consuete sono le visioni dei ghiacciai dell’Antartide raccolte dal satellite dell’ESA Envisat e del loro progressivo deterioramento, un filmato che per intensità ricorda la sequenza iniziale di Shining, il celebre film di Stanley Kubrik.

Kasei Valles, perspective view
La superficie di Marte - Kasei Valles

La tecnologia digitale è oggi alla base di tutti i settori delle attività spaziali dell’ESA, a partire dalla elaborazione informatica dei dati satellitari alla trasmissione dei dati stessi. Attraverso la via digitale, l’ESA è in grado non solo di mettere a punto strumenti per una comprensione più profonda dell’universo che ci circonda, come per esempio nel caso dell’esplorazione di Marte, ma anche di progettare e commercializzare applicazioni utili per la vita quotidiana di tutti, come i servizi di telemedicina, di tele-educazione, di radio e TV digitale ad alta definizione.

L’Agenzia Spaziale Europea (ESA), è un’organizzazione intergovernativa che ha il compito di "sostenere e promuovere, per scopi esclusivamente pacifici, la cooperazione tra gli Stati europei nella ricerca e tecnologia spaziale e nelle loro applicazioni".

Attualmente l’ESA è composta da 17 Stati Membri: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Inghilterra, Irlanda, Italia, Norvegia, Olanda, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera, la Grecia ed il Lussemburgo. Il Canada collabora ad alcuni progetti in conformità ad un accordo di cooperazione.

L’ESA è impegnata nel campo delle scienze spaziali, dell’Osservazione della Terra, nelle telecomunicazioni, nella navigazione satellitare (Galileo) e nel segmento delle tecnologie spaziali, incluse piattaforme e stazioni orbitanti. Le infrastrutture a terra ed i segmenti di trasporto spaziale includono il Programma tecnologico del prossimo lanciatore Ariane 5 Plus ed il programma VEGA, il piccolo lanciatore.

ESRIN's ground facilities
ESRIN

Le attività dell`ESA sono coordinate tramite gli uffici della Direzione Generale presso la sede centrale di Parigi. In Italia, Germania e Olanda sono dislocati gli altri centri ESA.

L'ESRIN è il centro in Italia, situato a Frascati, che si occupa della elaborazione dei dati provenienti dai satelliti europei di osservazione della Terra e dei partners internazionali, dei servizi informatici e della gestione del programma di piccolo lanciatore europeo Vega.

Per ulteriori informazioni si prega di contattare:
Simonetta Cheli
Capo Relazioni Pubbliche ed Istituzionali
ESA/ESRIN
Tel:+39 06 94180350
Simonetta.Cheli@esa.int

Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.