Una zona della Turchia vista dal satellite giapponese ALOS

Immagine EO della settimana: Turchia Salata

2 Settembre 2013

L'immagine mostra una acquisizione del satellite giapponese ALOS, ottenuta durante un passaggio sull'arido plateau centrale dell'Anatolia, nel versante asiatico della Turchia.

La Penisola dell'Anatolia è anche nota con il nome di Asia Minore: è bagnata dal Mar Nero a nord, dal Mar Mediterraneo a sud e dal Mar Egeo ad ovest. In questa immagine è possibile osservare, sull'altopiano centrale, sul lato sinistro, l'intero Lago Tersakan e parte del lago Tuz, nell'angolo in alto a destra.

Il Lago Tuz è il secondo lago della Turchia per estensione ed  al contempo costituisce di uno dei più grandi laghi salati del mondo. 

Mentre una parte dei territori circostanti mostrano il caratteristico aspetto a mosaico delle colture agricole, altre aree sono soggette ad inondazioni stagionali di acqua salata. Durante i mesi estivi le acque del lago si ritraggono ed espongono in tal modo alla luce uno spesso strato di sale depositato. 

La superficie di color bianco brillante che così appare nei mesi secchi estivi è stata utilizzata dai satelliti di Osservazione della Terra per calibrare i propri sensori sulla tonalità del color bianco – esattamente allo stesso modo in cui siamo uso fare con la calibrazione del bianco in una ordinaria fotocamera. 

Va anche ricordato che il sale del Lago Tuz viene regolarmente estratto e fornisce circa la metà del sale consumato in Turchia.

Oltre alla sua importanza economica, il lago fornisce anche una importante zona di riproduzione delle specie del Fenicottero Rosa o Maggiore (Greater Flamingo) e dell'Oca Lombardella (Greater White-Fronted Goose).

Il satellite giapponese ALOS (Advanced Land Observing Satellite) ha catturato questa immagine il 21 ottobre 2010 con il suo sensore di bordo Advanced Visible and Near Infrared Radiometer Type-2. 

In collaborazione con Rivista Geomedia

Questa immagine fa parte della serie Earth from Space video programme.

Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.