Note per i redattori: fabbricazione additiva / stampa 3D

1 Febbraio 2013

La stampa in 3D, altrimenti nota come fabbricazione additiva, ovvero a strati, è vista dall'ESA come una tecnologia estremamente promettente per l'industria spaziale.

Come lo stesso sinonimo suggerisce, consta della costruzione di un oggetto solido attraverso una serie di strati – ciascuno stampato sopra il precedente.

La materia prima è generalmente polvere che viene riscaldata o cementata chimicamente a formare un solido. In alternativa, liquidi o fili metallici possono essere usati come materia prima.

La fabbricazione additiva è una tecnica dall'enorme versatilità: una qualsiasi cosa può essere progettata utilizzando un software CAD e poi stampata come un oggetto fisico, fermo restando che i limiti specifici del processo di disegno siano rispettati.

Questo permette di costruire oggetti di una complessità ben oltre quella che può essere raggiunta utilizzando delle convenzionali tecnologie meccaniche.

È inoltre estremamente efficiente come risorsa, offrendo enormi risparmi nella misura del 50% fino al 95% se comparata alla manifattura tradizionale, dove i materiali in eccesso sono tagliati e gettati via per formare il componente desiderato.

Con la stampa additiva, viene usato solo ciò che serve ed il numero dei processi di lavorazione è ridotto di pari passo.

ESA sta considerando la stampa additiva come parte dell'iniziativa Clean Space (Spazio pulito), cercando di applicare le tecnologie innovative per ridurre l'impatto ambientale dell'industria spaziale.

Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.