Open Day 2005 all'ESRIN: nel cuore dello spazio

Open Day 2005
11 Marzo 2005

Anche quest’anno, in occasione della XV Settimana della Scienza e della Tecnologia indetta dal MIUR, ESRIN, lo stabilimento italiano dell’ESA, apre le sue porte agli studenti delle scuole superiori di tutta Italia.

Il prossimo 14 marzo 2005, dalle ore 10:00 alle ore 17:30, in quattro diversi turni, gli studenti avranno l’occasione di vivere una giornata intensa, articolata in una serie di incontri, di conferenze e di visite nello stabilimento dell’ESA che si trova a Frascati, a pochi chilometri da Roma. Sarà un’occasione per toccare dal vivo un mondo alla frontiera della ricerca e dell’impegno a favore della collettività, nel quale l’Italia è da sempre coinvolta. L'Italia, infatti, è stata tra i Paesi fondatori dell’ESA.

ESRIN's ground facilities with Envisat antenna
ESRIN

Lo stabilimento dell'ESA in Italia, ESRIN, è il Centro di riferimento europeo per l’Osservazione della Terra: uno dei suoi compiti principali risiede infatti nella raccolta, nell’archiviazione, nell’elaborazione e nella diffusione dei dati di osservazione satellitare della Terra. Un compito estremamente complesso, se consideriamo che il solo satellite ambientale Envisat, lanciato dall’ESA nel 2002, nel corso della sua vita produrrà migliaia di Gigabyte di dati.

Per lo studio della Terra, gli studenti troveranno ad accoglierli Maurizio Fea, fisico dell’ESA e decano nel campo dell’osservazione del nostro pianeta, che descriverà gli ultimi traguardi raggiunti attraverso il telerilevamento, la tecnica cioè che ci permette di studiare il nostro pianeta attraverso satelliti in orbita.

Terre emerse e ghiacciai, oceani e acque dolci, inquinamento e salute dell’atmosfera: ciascuno di questi elementi è parte di un sistema complesso, il pianeta Terra, la cui comprensione è fondamentale per gestire al meglio le risorse e per garantire il rispetto dell’ambiente. E studiare la Terra con i satelliti che ESA ha mandato in orbita, come ERS-1, ERS-2 e il grande satellite ambientale ENVISAT, è un’occasione imperdibile per capire meglio i complessi fenomeni che caratterizzano il nostro pianeta. Insieme a Maurizio Fea, Laurence Ghaye presenterà il progetto EDUSPACE, uno strumento utile e divertente per fare in modo che anche i ragazzi possano osservare la Terra attraverso gli "occhi" dei satelliti.

Paolo Nespoli training on the Canadarm
L'allenamento di Paolo Nespoli allo Johnson Space Center

Per mettere in orbita un satellite occorrono dei lanciatori: e all’Open Day, i ragazzi avranno la possibilità di incontrare uno dei protagonisti del progetto Vega, l’ingegner Fabrizio Felici, Responsabile del team internazionale per lo sviluppo del nuovo lanciatore europeo che ha sede proprio a ESRIN. Vega sarà il primo razzo per raggiungere lo spazio a cui l’Italia partecipa in prima linea: sarà un lanciatore a tre stadi a propellente solido alto 30 metri. Pochi, se confrontati contro i 50 metri dell’Ariane 5. Vega è infatti un “piccolo” lanciatore che servirà a mettere in orbita satelliti relativamente leggeri, che potranno essere usati e progettati anche da singole università. Il progetto Vega è nato in Italia ed è stato poi “europeizzato” dall’ESA, perché è stato ritenuto di importanza strategica fondamentale.

I ragazzi, infine, troveranno ad attenderli anche Paolo Nespoli, astronauta dell’ESA di nazionalità italiana, che già fece gli onori di casa nell’edizione dell’Open Day 2001 e 2004, riscuotendo grandissimo successo per la familiarità dei modi, per la simpatia e, naturalmente, per le sue conferenze, ricche di immagini e filmati degli astronauti in orbita. Paolo Nespoli, ingegnere e astronauta ESA dal 1998, lavora stabilmente a Houston nel Johnson Space Center dove si allena presso le strutture astronautiche della NASA.

Al termine degli incontri, ci sarà la possibilità di visitare la grande antenna installata a ESRIN per la ricezioni dei dati satellitari e di immergersi nel Teatro di Realtà Virtuale (VRT, Virtual Reality Theatre), un piccolo ma ben equipaggiato teatro 3D, dove si potrà assistere a un breve filmato tridimensionale che, oltre a immagini astronomiche e della Terra, permetterà di fare un viaggio virtuale sopra ESRIN, i Castelli Romani e Roma.

Per informazioni e prenotazioni contattare:
ESA/ESRIN
Ivan Balenzio
Tel: +39 06 94180 953

Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.