Prova su strada per EGNOS, il nuovo sistema europeo di navigazione satellitare

EGNOS
EGNOS
6 Novembre 2000

Questa settimana a Torino, un'auto della Fiat sta testando un sistema europeo di navigazione satellitare per portarne a regime il funzionamento. Si tratta di EGNOS, frutto di una collaborazione guidata dall'Agenzia Spaziale Europea, che assicurerà il monitoraggio su una mappa della posizione dell'auto con un grado di precisione prossimo ad un metro.

La dimostrazione sarà effettuata in occasione del 7° Congresso Internazionale sui Sistemi di Trasporto Intelligenti che si svolge a Torino il 6-8 novembre. "E' la prima volta che si installa EGNOS su una vettura. EGNOS ha il potenziale necessario per dotare qualsiasi automobile degli stessi standard di sicurezza impiegati in aeronautica", afferma Giorgio Solari, coordinatore degli aspetti tecnici della dimostrazione per conto dell'Agenzia Spaziale Europea.

EGNOS, sigla che significa European Geostationary Navigation Overlay Service (Servizio Europeo di Copertura per la Navigazione Geostazionaria), è in fase di sviluppo da parte dall'Agenzia Spaziale Europea in collaborazione con la Commissione Europea e Eurocontrol, l'ente europeo per l'aviazione civile. Questo sistema è in grado di migliorare la precisione e l'affidabilità dei segnali di guida emessi dai sistemi globali di navigazione satellitare GPS degli USA e GLONASS della Russia nelle loro applicazioni di sicurezza più critiche, quali la guida degli aeromobili e la direzione della rotta delle navi nel loro passaggio nei canali più stretti. EGNOS diventerà operativo nel 2003.

GNSS-1 architecture
GNSS-1 architecture

"Quest'anno EGNOS è stato già sottoposto a diversi test in alcuni aeroporti europei. Gli enti nazionali di controllo del traffico aereo, sempre in cerca di nuovi sistemi capaci di aumentare la sicurezza e l'economicità dei voli, hanno cercato di utilizzare EGNOS affiancandolo agli attuali sistemi di guida, e i risultati sono stati incoraggianti", dichiara Claudio Mastracci, Direttore dei Programmi Applicativi dell'Agenzia Spaziale Europea. "Questa settimana effettueremo una dimostrazione di come EGNOS riesce a trasferire all'auto le migliori pratiche di navigazione".

EGNOS riceve i segnali dai satelliti del GPS e del GLONASS e, avvalendosi di un hardware specializzato, aggiunge un fattore di correzione che assicura una precisione di 5 metri e più. Successivamente, i segnali vengono rilanciati nello spazio e trasmessi da tre satelliti civili geostazionari. L'apparato ricevente di EGNOS, montato a bordo di un veicolo, raccoglie così queste preziose informazioni di guida.

Ai fini del test di Torino, un ricevitore EGNOS è stato dotato di una mappa numerica e montato a bordo dell'auto. EGNOS non si limita a migliorare la precisione, ma aumenta anche la coerenza e l'affidabilità del GPS usato da solo, essendo in grado di allertare l'utilizzatore in caso di cattivo funzionamento del sistema satellitare GPS o GLONASS. "E' una conditio sine qua non per tutti i servizi di posizionamento che richiedono un livello elevato di sicurezza", aggiunge Solari.

EGNOS è la prima tappa verso Galileo, il sistema europeo omnicomprensivo e globale di navigazione satellitare. Composto da 30 satelliti, Galileo sarà posto sotto il controllo di un'Autorità civile e fornirà un servizio di navigazione satellitare affidabile, accurato e garantito a partire dal 2006/2008.

Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.