Record di presenze all'ESRIN per la Notte dei Ricercatori 2011

Notte dei Ricercatori 2011 all'ESRIN
30 Settembre 2011

La Notte Europea dei Ricercatori ha attirato all'ESRIN, lo scorso venerdì 23 settembre, oltre 800 visitatori. Una rara opportunità per il pubblico di vedere il "dietro le quinte" delle missioni scientifiche e spaziali e di saperne di più sul lavoro dei ricercatori e della ricerca nello spazio.

Non soltanto il numero elevato di visitatori di tutte le fasce di età, specialmente giovani, ma il livello qualitativo dell'impegno mostrato dall'ESA e dai partner industriali del settore spazio partecipanti, hanno reso la Notte uno degli eventi più popolari di Frascati.

L'ex-astronauta dell'ESA Umberto Guidoni dopo la sua presentazione "Oltre il cielo: l'avventura umana nello spazio" ha risposto alle domande dei molti appassionati di spazio presenti all'evento.

Prof C.Buongiorno, guest of honour
Il Prof. Carlo Buongiorno

"Lo spazio rappresenta il futuro ed è importante per l'Europa continuare a lavorare sulle missioni spaziali, seguendo la strada aperta dai grandi pionieri spaziali italiani" ha detto l'ospite d'onore della serata, il Prof. Carlo Buongiorno, artefice del Piano Spaziale Italiano e co-fondatore dell'Agenzia Spaziale Italiana. Scienziato, ricercatore e docente universitario all'Università La Sapienza di Roma. Il Prof. Buongiorno ha anche presentato il suo libro "Lo Spazio di Una Vita", scritto con Enrico Ferrone.

Nel suo discorso il Prof. Buongiorno ha ricordato il ruolo importantissimo che ha avuto ESA nel creare e coordinare tutta una serie di competenze internazionali di altissimo livello che hanno prodotto i tanti successi europei nel settore spaziale degli ultimi cinquanta anni.

L’Agenzia resta a tutt'oggi un esempio efficiente e riuscito di collaborazione a livello europeo ed in questo è l'unica tra le agenzie spaziali mondiali ad avere esperienza di governabilità congiunta di più Paesi. Un ruolo che potrebbe essere esteso anche in campo mondiale per guidare le decisioni sulle attività spaziali congiunte, facilitando l'inserimento ed il contributo di nuove agenzie spaziali emergenti quali la Cina e l'India.

I partner industriali

"Abbiamo aderito con entusiasmo a questa bellissima iniziativa perché crediamo nel sogno dell'uomo di volare e di conquistare lo spazio. Noi aiutiamo la diffusione della cultura spaziale attraverso i nostri "sensori" che sono gli occhi, la mente ed il cuore del satellite." Così ha commentato la partecipazione di Selex Galileo alla Notte dei Ricercatori all'ESA-ESRIN Cristina Miklus, Responsabile della Comunicazione Spazio.

Tra gli altri espositori, Telespazio, Thales Alenia Space e l'associazione italiana radioamatori AMSAT. Con le loro presentazioni interattive, con i video, con la documentazione ed i modelli di satellite hanno risposto ai quesiti dei visitatori nell’area espositiva.

Le attività Educative

Molte le attività dedicate agli studenti, dai più giovani agli universitari.

Per questi ultimi, la possibilità di vedere "Come si progetta una missione spaziale" grazie alla postazione dell'ESA-ESTEC del Concurrent Design Facility.

Children building their rocket
Un esperimento

Per i più giovani, attività ed esperimenti insieme all'insegnate di scienze Emerenziana Scotto di Tella che con l'aiuto di alcuni suoi studenti ha mostrato diversi esperimenti scientifici e con l'associazione Di Scienza, di Roma, con cui i ragazzi potevano costruire e far volare un minirazzo. "Siamo molto felici di partecipare attivamente a queste iniziative, perché stimolano curiosità e riflessione nei bambini. E questi sono alcuni dei valori della nostra associazione" ha detto Leonardo De Cosmo, Presidente dell'associazione Di Scienza.

Potete rivedere alcune sessioni e le interviste con gli espositori nei video presenti nel menù di destra.

Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.