Robot in competizione in assenza di gravità

La finale
25 Gennaio 2012

Gruppi di studenti dall'Europa e dall'America hanno comandato dei robot che partecipavano al torneo nello spazio "Spheres ZeroRobotics". Il campo di gioco: la Stazione Spaziale Internazionale in orbita a 400Km sopra la Terra.

Ogni gruppo di studenti ha potuto inviare un singolo pezzo di software di istruzione per controllare le piccole "Sfere"(Spheres) robotiche. Obiettivo del torneo era di guadagnare punti attraverso magistrali operazioni ottenute con algoritmi del controllo di guida e navigazione così come la scelta delle tattiche migliori per vincere.

Il vincitore di quest'anno è un'alleanza composta dalle squadre di CyberAvo, Ultima e Lazy, una collaborazione di tre scuole da Torino, Italia, e da Berlino, Germania.

Gli astronauti Don Pettit e André Kuypers hanno organizzato le partite individuali nel laboratorio giapponese Kibo, a bordo della Stazione Spaziale, e si sono goduti lo spettacolo.

Le Sfere sono controllare per mezzo di computer laptop, ma una volta che il software è stato lanciato ed il comando inviato al robot, non si può più cambiare. I robot si muovono utilizzando getti di gas compresso ed è richiesto che effettuino delle manovre basate su situazioni realistiche, come l'aggancio con la Stazione, il volo in formazione o la presa di alcuni oggetti.

Quest'anno il gioco comprendeva estrarre minerali da un asteroide, da qui il nome del gioco Asterospheres. I satelliti, che volano in modo autonomo, potevano agguantare degli utensili se necessari ed iniziare a scavare su uno dei due asteroidi virtuali.

I robot

La strategia è stato un elemento importante del gioco – le squadre potevano ostacolare gli oppositori o cooperare per dividersi il punteggio totale.

I finalisti europei sono stati invitati a seguire come i loro comandi software si sono comportati alle finali, che si sono tenute nel centro Erasmus, all'ESTEC, il cuore tecnico e scientifico dell'ESA a Noordwijk, in Olanda.

Gli studenti hanno potuto apprezzare la delicata danza tri-dimensionale delle Sfere grazie ad un collegamento video in diretta con il MIT (Massachusetts Institute of Technology) di Boston, USA, e con la Stazione Spaziale Internazionale.

Prima delle finali, gli studenti delle scuole superiori hanno visitato il centro ESTEC, l'Erasmus High Bay ed hanno potuto vedere un tour virtuale della Stazione Spaziale Internazionale in 3D.

Spheres ZeroRobotics è stato sviluppato per insegnare agli studenti le tecniche di ingegneria, di matematica e di programmazione, ispirando allo stesso tempo gli studenti a proseguire la loro carriera nelle scienze e nell'ingegneria.

Stefano Suraniti, Dirigente all'Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte, ha detto agli studenti: "I robot hanno un'anima, e la loro anima è la vostra immaginazione, il vostro futuro".

Thomas Reiter con le Sfere

L'ex-astronauta e attuale Direttore dei Voli Abitati e delle Operazioni, Thomas Reiter, ha osservato quanto speciale l'evento fosse per lui in quanto è stato uno dei tre astronauti che hanno portato le Sfere originali sulla Stazione nel 2006, con una missione Shuttle. Reiter ha fatto notare l'importanza della robotica per il lavoro sulla Stazione.

Organizzando la gara a squadre, agli studenti è stato richiesto di cooperare e di sviluppare insieme il software e le strategie. Molte squadre hanno trovato l'effettivo scambio di comunicazione con i partner internazionali loro assegnati, la parte più stimolante della gara.

I finalisti europei

Questa è la terza edizione della gara delle Sfere e per la prima volta sono stati invitati a partecipare studenti al di fuori degli Stati Uniti. Quest'anno hanno preso parte soltanto scuole italiane e tedesche, ma ESA e l'organizzazione del concorso sperano di espandere il torneo per includere, il prossimo anno, scuole da tutta l'Europa.

Per maggiori informazioni, contattare:

Nigel Savage
Head of Education Unit
Directorate of Human Spaceflight and Operations
nigel.savage@esa.int

Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.