Rosetta è pronta a partire

Rosetta's lander on a comet's surface
Il lander Philae sul nucleo della cometa
25 Febbraio 2004

Domani, 26 febbraio, la sonda dell’ESA Rosetta sarà lanciata con un razzo Ariane5G dallo spazioporto europeo di Kourou in Guiana francese. Un viaggio di 10 anni verso la cometa Churyumov-Gerasimenko, per realizzare l’incredibile impresa di rilasciare un lander sulla cometa, alla ricerca delle origini del nostro Sistema solare.

Le comete sono corpi celesti composti da un miscuglio di ghiaccio e polveri interplanetarie, forse proprio la materia da cui nacque il Sistema solare oltre quattro miliardi e mezzo di anni fa. E a Rosetta spetta il compito, unico finora nella storia dell’esplorazione spaziale, di raggiungere e orbitare intorno a una cometa e di rilasciare su di essa un piccolo robot, che si arpioni a quel nucleo ghiacciato e lo analizzi.

La scelta della cometa Churyumov-Gerasimenko è stata presa lo scorso maggio: Rosetta infatti sarebbe dovuta partire un anno fa, nel gennaio 2003 alla volta della cometa Wirtanen. Alcuni problemi successivamente risolti con il lanciatore, il razzo vettore Ariane 5 nella sua versione più potente, hanno consigliato di posticipare la missione, facendo anche cambiare bersaglio.

Nel 2014, Rosetta e il lander, da poco ribattezzato Philae da una studentessa lombarda, incotreranno e studieranno la cometa Churyumov-Gerasimenko a 675 milioni di kilometri dal Sole.

In occasione del lancio avrà luogo a ESRIN, lo stabilimento italiano dell’Agenzia Spaziale Europea, un evento congiunto ESA/ASI organizzato per la ritrasmissione in diretta satellitare da Kourou. L’Italia attraverso l’Agenzia Spaziale Italiana ha partecipato in maniera significativa a questa missione, sia nella strumentazione scientifica sia nella realizzazione industriale, per la sonda Rosetta e per il lander Philae.

Gli aggiornamenti sulla missione sono disponibili in lingua inglese all’indirizzo www.esa.int/rosetta

Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.