SPSC 2003: ovvero le telecom satellitari al servizio del cittadino

Mobile S-UMTS demonstration van
Mobile S-UMTS demonstration van
23 Settembre 2003

Si aprirà il 24 settembre a Catania, e durerà tre giorni, l’ottavo convegno internazionale per il Signal Processing for Space Communications (SPSC) dell’ESA.

Ospitato dall’Università di Catania, il convegno per addetti ai lavori riunisce scienziati provenienti dalle industrie e dai maggiori enti di ricerca europei e si propone di focalizzare lo stato dell’arte della telecomunicazione satellitare oggi, approfondendo le nuove tecnologie digitali e i servizi multimediali innovativi. Catania è al centro del cosiddetto Etna Valley in cui sorgono varie industrie tecnologicamente avanzate come ST Microelectronics, che è uno degli sponsor del convegno.

Qui l’ESA porterà il suo Multimedia Van, un’auto equipaggiata con tool multimediali – dal sistema di navigazione GPS, radio, TV, lettore DVD e video registratore VHS oltre a quattro PC e tre webcam e connessione Ethernet (100Mbps) e WLAN (11Mbps). L’ESA che già in luglio aveva ospitato nel suo stabilimento italiano ESRIN, a Frascati, nei pressi di Roma, la conferenza ASMS 2003, e che lì aveva presentato per la prima volta questa macchina straordinaria, porta avanti il discorso fondamentale delle capacità satellitari europee per usi civili con ricadute immediate nella vita quotidiana.

ESA promotes new multimedia applications and services
L'ESA promove nuove aplicazione multimedia e nuovi servici

Il van è usato come piattaforma per ospitare parte della strumentazione dell’ATB (Advanced Test Bed) per l’UMTS (Universal Mobile Telecommunications System) satellitare, grazie alla quale è stato possibile dimostrare le applicazioni e i servizi avanzati nella comunicazione mobile. Un vero ufficio su quattro ruote che ha garantito ai suoi utenti di vedere, valutare e archiviare i dati direttamente sul luogo. Un database inoltre ha permesso analisi “off-line” in tempo reale mentre il veicolo era in movimento.

Questo progetto innovativo che fa parte del più grande progetto di ricerca e sviluppo telecomunicazioni denominato ARTES 5 dell’ESA dà corpo a quello che nel prossimo futuro sarà il sistema di comunicazione satellitare mobile europeo.

L'UMTS, infatti, permette l'integrazione di testo, voce, video e multimedia su terminali mobili, garantendo la realizzazione di servizi fruibili in ogni istante e da qualsiasi posto. Servizi come video-conferenze, video 'streaming on demand', integrazione tra voce e dati, diverranno presto strumenti d’uso comune, perché l'UMTS potrà consegnare a basso costo comunicazioni ad alta velocità su tutto il pianeta.

Lo standard ESA S-UMTS – dove S sta per satellite - è stato accettato dall’ITU (International Telecommunication Union) e dall’ETSI (European Telecommunication Standardisation Institute) all’interno dell’IMT 2000 è una derivazione dello standard UMTS terrestre e permette di estendere in breve tempo la copertura dei servizi di terza generazione alle zone a bassa densitá di popolazione su vaste regioni geografiche con un solo satellite geostazionario. Oltre ai servizi di terza generazione comuni al sistema UMTS terrestre, S-UMTS offre a costi molto competitivi servizi di trasmissione di dati digitali di largo interesse come notizie, sport video clips, audio, video in multicast, secondo i protocolli evoluti di telecom satellitare. Queste informazioni aggiornate periodicamente sono memorizzate nel terminale e possono essere riprodotte dall’utente quando richiesto.

Per ulteriori informazioni, contattare:
Simonetta Cheli
ESA-ESRIN
Head of Public and Institutional Relations Office
Simonetta.cheli@esa.int

Riccardo de Gaudenzi
ESA-ESTEC
Workshop co-Chairman
Riccardo.de.gaudenzi@esa.int

Domenico Giunta
ESA-ESTEC
Workshop Organiser
Domenico.giunta@esa.int

Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.