"Scienza Orienta" 2005: alla riscoperta della scienza

31 Marzo 2005

Come ormai sta diventando tradizione, la primavera si annuncia ricchissima di appuntamenti nel Parco Scientifico dei Castelli Romani. Il 4 aprile è al via l’edizione 2005 di ScienzaOrienta, il grande evento di informazione e sensibilizzazione dei ragazzi verso le discipline scientifiche, organizzato dall’ESA, dalla Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell’Università di Roma Tor Vergata, dal CNR, l’ENEA, l’INFN e l’INAF.

I ragazzi che parteciperanno all’evento, oltre a poter seguire il fitto calendario di conferenze e di visite ai laboratori che sono state organizzate presso la Facoltà di Scienze Matematiche fisiche e Naturali dell’Università di Tor Vergata, avranno anche la possibilità di fare un vero e proprio “tour della Scienza” dell’Area di ricerca di Frascati, visitando l’INAF-CNR, l’ENEA, l’INAF-Osservatorio Astronomico di Roma, l’INFN e, naturalmente lo stabilimento ESRIN dell’Agenzia Spaziale Europea.

Per tre pomeriggi consecutivi, dal 4 al 6 aprile inclusi, all’arrivo all’ESRIN seguirà una breve presentazione delle attività dell’Agenzia Spaziale Europea. Poi i ragazzi si immergeranno in 30 minuti di osservazione della Terra attraverso i satelliti europei, da sempre una delle attività di forza dello stabilimento dell’ESA che sorge in Italia. L’incontro successivo, di venti minti, sarà dedicato al piano di sviluppo di Vega, il nuovo lanciatore europeo, il cui primo lancio è previsto per la fine del 2007.

Anche in questo caso si tratta di un progetto seguito direttamente dallo stabilimento di ESRIN, dove è stata stabilita la sede del team internazionale che coordina le attività per lo sviluppo del lanciatore. Vega, che sarà un lanciatore di piccole dimensioni, sarà il primo a essere sviluppato principalmente in Italia.

Nella sala conferenza sarà allestita anche una zona di exhibit, dove sarà possibile vedere tute spaziali e modelli in scala dei satelliti ERS-2 ed Envisat per l’Osservazione della Terra. Un angolo specifico dell’allestimento è dedicato a un modello del lanciatore VEGA.

Ma la scienza non è la sola attività che occupa lo staff dell’ESA: anche in Europa si sta ormai consolidando la pratica della diffusione della cultura scientifica. E per l’Agenzia Spaziale Europea un grande salto in avanti è stato costituito dal portale web, che ha esordito nel maggio 2000 e che propone, giorno dopo giorno, tutte le novità sulle attività dell’Agenzia, report sulle scoperte, panoramiche sulle future missioni in ogni settore legato allo Spazio.

E se la comunicazione a tutto tondo è un obbligo per l’ESA, ancora più importante è spianare la strada a coloro che, “da grandi” vogliono fare gli scienziati, ma che hanno paura di trovarsi alle prese con mille difficoltà. Il progetto EDUSPACE, dedicato all’osservazione della Terra dallo spazio, è solo un esempio di attività didattica sviluppato dall’ESA per i ragazzi, in modo che si possano avvicinare senza timori al mondo della ricerca scientifica.

La visita allo stabilimento dell’ESRIN si completerà con un’immersione nel Teatro della Realtà Virtuale (VRT), una piccola sala cinematografica con un schermo di 470x200 centimetri, che viene utilizzata per la proiezione di filmati tridimensionali ad alta risoluzione (fino a 3200x1200 pixels). Un teatro di realtà virtuale, dunque, per fare un tuffo in una realtà molto concreta: quella della scienza di oggi e del mondo di domani.

Per le informazioni dettagliate su programma della manifestazione e per prenotazioni, si prega di fare riferimento al seguente link: http://www.scienzaorienta.uniroma2.it

Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.