Un workshop OECD a ESRIN per parlare dei NEO – Near Earth Objects

View of the inner solar system
Il sistema solare interno dov'e' piu' facile trovare i Neo (in rosso)
16 Gennaio 2003

Negli ultimi tempi, gli astronomi hanno imparato moltissimo su asteroidi e comete che possono colpire la Terra.

Gli asteroidi più piccoli attirati dal nostro pianeta bruciano innocuamente come meteore nell’atmosfera. Gli impatti molto grandi, eventi catastrofici del passato, sono fortunatamente molto poco frequenti. In ogni caso, è abbastanza comune registrare il passaggio ravvicinato di asteroidi di medie dimensioni.

Un convegno del Global Science Forum dell’OECD, l’Organizzazione internazionale per la Cooperazione e lo Sviluppo economico, permetterà a esponenti governativi e scienziati di esaminare il pericolo di impatti da parte degli oggetti vicini alla Terra.

Gli asteroidi più piccoli attirati dal nostro pianeta bruciano innocuamente come meteore nell’atmosfera. Gli impatti molto grandi, eventi catastrofici del passato, sono fortunatamente molto poco frequenti. In ogni caso, è abbastanza comune registrare il passaggio ravvicinato di asteroidi di medie dimensioni. Un convegno del Global Science Forum dell’OECD, l’Organizzazione internazionale per la Cooperazione e lo Sviluppo economico, permetterà a esponenti governativi e scienziati di esaminare il pericolo di impatti da parte degli oggetti vicini alla Terra.

In risposta alle preoccupazioni della gente e insieme degli addetti ai lavori, il convegno sarà luogo d’incontro per ricercatori e politici provenienti dai paesi membri dell’OECD per rivedere gli sforzi attualmente impegnati nell’affrontare questo rischio e per considerare la necessità di nuove politiche d’intervento. L’ESA, l’Agenzia Spaziale Europea, ospita il convegno nei giorni 20-22 gennaio 2003, presso ESRIN, il suo stabilimento in Italia, con la partecipazione del Centro Nazionale Spaziale britannico.

ESRIN's ground facilities
ESRIN

L’agenda del convegno prevede in particolare:
- Stima del pericolo di collisione con comete e asteroidi in relazione ad altri rischi conosciuti e causati dall’uomo
- Valutazione delle attuali risposte a tale pericolo
- Dimensioni della politica nazionale e internazionale in relazione alla materia
- Stato della conoscenza scientifica, la sua accuratezza e completezza
- Possibili interventi e studi da parte delle comunità scientifiche e politiche

Alle ore 15 del 22 gennaio, al termine del convegno, si terrà una conferenza stampa presso ESRIN, lo stabilimento dell’ESA in Italia, in via Galileo Galilei, a Frascati (Roma). Relatori saranno Richard Crowther, mediatore del convegno, Michael Oborne, OECD e Marcello Coradini, ESA.

La considerazione che si ha del pericolo che la Terra corre a causa degli oggetti vicini varia dal sospetto di esagerazione da parte di alcuni scienziati e dei media alla certezza che esso sia stato largamente sottostimato. Il convegno affronterà l’argomento senza preconcetti sul livello de pericolo e sulle azioni necessarie. Una sobria analisi scientifica internazionale sotto l’egida del Global Science Forum e con l’appoggio del contesto politico dovrebbe portare chiarezza, rigore e realismo politico a questa realtà complessa e ancora in gran parte sconosciuta.

Per avere ulteriori informazioni o per partecipare alla conferenza, i giornalisti possono contattare

Simonetta Cheli
Head of Public and Institutional Relations Office
ESA/ESRIN
Tel: + 39 06 94180350
Fax + 39 06 94180352
simonetta.cheli@esa.int

Marcello Coradini
Coordinator, Solar System Missions
ESA Science Directorate
Tel: + 33 1 53697555
Fax: + 33 1 53697751
marcello.coradini@esa.int

Helen Fisher
OECD
Tel: 331 45 24 80 97
Helen.Fisher@oecd.org

Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.