Una serra nello spazio

9 Novembre 2010

É piccola, ma è una serra per i viaggiatori spaziali – e per te. Paolo Nespoli porterà con se sulla Stazione Spaziale Internazionale una speciale serra ed invita tutti i giovani entusiasti di scienza a condurre l'esperimento insieme a lui.

L'esperimento sarà lanciato a metà febbraio 2011 con un evento che coinvolgerà circa 750 studenti in collegamento diretto da quattro diversi siti in Europa: l'ESA-ESRIN a Frascati; il Centro Astronauti Europeo a Colonia, Germania; La Cité de l'Espace a Tolosa, Francia; e Ciência Viva – l'Agenzia Nazionale per la Cultura Scientifica e Tecnologica di Lisbona, Portogallo.

Paolo parteciperà ovviamente all'evento con la sua serra in miniatura in diretta dalla Stazione Spaziale.

Crescere piante nello spazio sarà fondamentale per gli astronauti del futuro. Quando voleranno verso Marte o forse anche oltre, sarà necessario produrre a bordo cibi freschi ed essere parzialmente autosufficienti. Installare delle serre sulla Luna, su Marte o su altri pianeti sarà una parte importante delle future missioni di esplorazione.

Le serre forniscono tra l'altro ossigeno e portano un po' di vita alla desolazione dello spazio. Prendersi cura delle piante è un buon modo di ricordarsi della Terra ed un modo divertente di passare il tempo durante la lunga e possibilmente noiosa crociera interplanetaria.

Piante a bordo della ISS

Nespoli during STS-120
Paolo Nespoli durante la precedente missione

Non ci sarà il rischio di annoiarsi per Paolo durante la missione MagISStra, in quanto sarà piena zeppa di attività e di scienza. Il progetto "Una serra nello spazio" (Greenhouse in Space), proposto e concepito dal Direttorato del Volo Abitato dell'ESA, non è solo un esperimento scientifico ma anche un'opportunità educativa per gli scolari di età compresa tra i 12 e di 14 anni.

Paolo userà una serra sviluppata appositamente per crescere piante nello spazio e farà delle osservazioni sul ciclo di vita di una pianta in fiore. Gli studenti saranno in grado di seguire tutto ciò con il loro esperimento a terra, usando una serra simile e la stessa specie di pianta.

Closeup of the MagISStra greenhouse
Una piantina in crescita nella miniserra

L'esperimento inizia con l'innaffiare alcune piante della famiglia del crescione (Arabidopsis thaliana) sistemate all'interno del laboratorio Columbus a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. I ragazzi inizieranno il loro esperimento, da terra, allo stesso tempo.

Paolo prenderà delle immagini del ciclo di crescita e farà delle registrazioni video dei passi più significativi della germinazione delle piante e le pubblicherà sulla pagina web dell'ESA dedicata alla missione MagISStra. I ragazzi saranno in grado di comparare l'esperimento nello spazio con quello a terra.

I giovani scienziati al suolo e Paolo in orbita, seguiranno insieme il ciclo di crescita delle piante per 10 settimane. Gli studenti saranno incoraggiati a scambiarsi osservazioni durante tutto il periodo, creando una rete europea che permetta all'esperimento di unire i giovani scienziati in modo speciale.

Ordina la tua serra!

Le scuole che desiderano partecipare all'esperimento possono ordinare il kit della mini-serra collegandosi alla pagina web del sito di Educazione dell'ESA del Volo Abitato , considerando che i kit sono in numero limitato.

Le istruzioni saranno scaricabili sempre dallo stesso sito a partire da gennaio 2011.

I ragazzi saranno invitati ad inviare i loro risultati finali e le propri osservazioni al team di Educazione del Volo Abitato dell'ESA , il quale creerà una lezione finale online che altre scuole ed altri insegnanti potranno a loro volta scaricare.

Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.