Doppio collegamento per Luca Parmitano

Parmitano e Paxi, la mascotte di ESAKids
25 Ottobre 2013

Mentre fervono i preparativi per il rientro, previsto tra poche settimane, l'astronauta dell'ESA Luca Parmitano inserisce in agenda anche un nuovo collegamento radio per parlare con i ragazzi.

Sabato 26 ottobre gli studenti del Convitto Nazionale "Vittorio Emanuele II" di Roma ed i giovani ospiti dell'ospedale Pediatrico Giovanni XXIII di Bari si metteranno in contatto con l'astronauta italiano che si trova a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

Impegnato nella missione di lunga durata "Volare", frutto di un accordo tra l'Agenzia Spaziale Italiana e la NASA, Luca Parmitano farà ritorno sulla Terra agli inizi di novembre con la stessa capsula Soyuz che a fine maggio lo aveva portato, insieme ai compagni di equipaggio della spedizione 36/37, sulla Stazione.

Durante il collegamento, scopriremo se il nostro astronauta, potendo, rimarrebbe nello spazio più a lungo rispetto a quanto programmato o se, al contrario, avrebbe voluto rientrare prima, quali emozioni ha provato nello spazio sia durante la vita a bordo che nel suo incessante fotografare, attività che ci ha regalato bellissime immagini da 400km di distanza.

Tanti dettagli poi sulla Stazione, dall'orbita alla velocità, alle tecniche di aggancio dei veicoli in arrivo, compresa la navetta Soyuz che li ha trasportati, passando per la vita di bordo e le ricerche scientifiche con particolare riguardo al ritorno che i risultati di tali ricerche possono avere per aiutarci a comprendere meglio le malattie sulla Terra.

Potete seguire i collegamenti in diretta collegandovi rispettivamente ai siti del Convitto Nazionale e della Cittadella Mediterranea dello Spazio dalle ore 13:55.

Queste iniziative sono organizzate nell'ambito del programma educativo internazionale ARISS (Amateur Radio on International Space Station), e coordinate, in Italia, dall'AMSAT Italia.

La pagina italiana dell'ESA vi terrà aggiornati su questo programma educativo annunciando i collegamenti radioamatoriali che di volta in volta verranno organizzati.

Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.