L'Europa lancia la sua prima navetta spaziale per il rifornimento – l'ATV Jules Verne – verso la ISS

Liftoff of Ariane 5 ES-ATV
9 Marzo 2008

ESA PR 15-2008. Il Jules Verne è il primo Veicolo di Trasferimento Automatizzato (ATV), una nuova serie di navette autonome progettate dall'ESA per rifornire e rialzare l'orbita della Stazione Spaziale Internazionale (ISS). La navetta è stata lanciata in orbita terrestre bassa questa mattina con un vettore Ariane 5.

Durante le prossime settimane, la navetta effettuerà manovre di avvicinamento ed infine di attracco con la ISS, per portare sull'avamposto orbitante rifornimenti di carico utile, propellente, acqua e ossigeno.

Il decollo è avvenuto alle 05:03 CET (01:03ora locale) dallo Spazioporto europeo di Kourou, nella Guiana Francese. Questo volo ha richiesto una nuova versione del lanciatore europeo, l'Ariane 5ES, specificamente adattato al compito di trasportare un veicolo di quasi 20 tonnellate – più del doppio della capacità di carico mai trasportato da un Ariane 5 nei voli precedenti – a un'orbita bassa circolare inclinata di 51,6 gradi rispetto all'Equatore. La nuova versione del lanciatore è inoltre dotata di un ultimo stadio con capacità di riaccensione.

Questa traiettoria di lancio inusuale ha richiesto la realizzazione di nuove stazioni di tracciamento telemetrico, una posizionata su una nave nell'oceano Atlantico e l'altra sulle isole Azzorre . Dopo una fase di combustione iniziale di 8 minuti sopra l'Atlantico, lo stadio superiore dell'Ariane 5 ha iniziato una fase di volo balistico di 45 minuti sopra l'Europa e l'Asia per poi riaccendere i propulsori per 40 secondi per procedere alla circolarizzazione dell'orbita sopra l'Australia. La separazione dall'ATV Jules Verne si è verificata alle 06:09 CET (02:09locali) ed è stata monitorata da una stazione di terra in Nuova Zelanda.

La navetta spaziale più complessa mai sviluppata in Europa

Artist's impression of ATV approaching for rendezvous with ISS
ATV, ISS

L'ATV Jules Verne ora sta ruotando attorno alla Terra sullo stesso piano orbitale della ISS, ma a un'altitudine di soli 260 km, rispetto a quella di 345 della Stazione. Il veicolo è sottoposto a continuo monitoraggio da parte dal Centro di Controllo dedicato all'ATV, situato a Tolosa, in Francia, e collocato all'interno della sede dell'Agenzia Spaziale Francese, il CNES. Il centro di Controllo dell'ATV assicurerà il controllo di volo per tutta la durata della missione, in coordinamento con i centri controllo missione dell'ISS a Mosca e Houston. Dopo aver dato dimostrazione delle manovre di sicurezza in volo libero, l'ATV eseguirà manovre di ‘allineamento’ orbitale per eseguire la fese di avvicinamento all'ISS in vista di una prima finestra di attracco programmata per il 3 aprile, dopo la partenza dello Space Shuttle Endeavour della NASA.

Battezzato con il nome del famoso scrittore di fantascienza francese del XIX secolo, l'ATV Jules Verne è la navetta spaziale più grande e sofisticata mai sviluppata in Europa, grazie alla combinazione delle funzioni di una piattaforma autonoma per il volo libero, di un veicolo spaziale manovrabile e di un modulo di stazione spaziale. Il veicolo ha un'altezza di circa 10 m e un diametro di 4,5 m e pesava 19.357 kg al momento del lancio. La navetta incorpora un modulo pressurizzato di 45 m3, derivato dall'involucro pressurizzato del Columbus, e un sistema di attracco di costruzione russa, simile a quelli usati sulle capsule Soyuz e sulla navetta di rifornimento Progress. Circa tre volte più grande della sua controparte Russa, l'ATV può trasportare un carico quasi tre volte superiore.

Inoltre, l'ATV è il primo veicolo spaziale del mondo progettato per condurre operazioni di attracco automatizzate pienamente conformi alle severe regole di sicurezza delle operazioni di volo spaziale abitato. La navetta europea contiene sistemi di navigazione ad altissima precisione e un software di volo nettamente più complesso di quello utilizzato per il lanciatore Ariane 5.

Il comunicato stampa completo è disponibile in lingua inglese.

Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.