Animation of Phobos rotating

Mars Express in rotta per l’incontro ravvicinato con Phobos

16 Febbraio 2010

Mars Express ha iniziato oggi una serie di sorvoli di Phobos, la più grande tra le lune di Marte. La missione raggiungerà il culmine il 3 marzo, quando la navicella spaziale batterà il record di avvicinamento a Phobos, sfiorandone la superficie a soli 50 km di distanza. I dati registrati potrebbero aiutare a sciogliere il mistero dell’origine di questa luna.

L’ultima campagna di sorvoli su Phobos ha avuto inizio oggi alle 06:52 CET (ora dell’Europa centrale), quando Mars Express si è avvvicinato fino a 991 km dalla superficie senza atmosfera di Phobos. I sorvoli continueranno a diverse altitudini fino a che, il 26 Marzo, Phobos non sarà fuori portata. Questi avvicinamenti offrono opportunità uniche per altre osservazioni scientifiche con Mars Express, la navicella spaziale che è stata progettata per studiare il pianeta rosso piuttosto che la luna grigia al suo fianco.

Mars Express in its polar orbit

“Dato che Mars Express si trova in un’orbita polare ellittica che ha una distanza massima da Marte di circa 10.000 km, passiamo regolarmente vicino a Phobos. Questo rappresenta una grandiosa opportunità per eseguire ulteriori studi scientifici” dichiara Olivier Witasse, scienziato, del progetto Mars Express.

Nel 2009, il team della missione decise una correzione dell’orbita di Mars Express per evitare che potesse finire sul lato notturno del pianeta. Il team di controllo di volo del Centro europeo per le Operazioni Spaziali a Darmstadt in Germania presentò una serie di situazioni possibili, tra cui una che avrebbe portato la navicella a soli 50 km al di sopra di Phobos. “Era la distanza minima di volo da Phobos che potessero accordarci", racconta Witasse.

Il passaggio ravvicinato è molto importante perché rappresenta un’opportunità senza precedenti di mappare il campo gravitazionale di Phobos. A quella distanza, Mars Express dovrebbe poter percepire le differenze di attrazione esercitate da Phobos, che dipendono da quale parte della luna sia più vicina in quel momento. Questo permetterà agli scienziati di intuire la struttura interna della luna.

In precedenza, i voli ravvicinati di Mars Express hanno già fornito il valore di massa più accurato per Phobos, mentre, grazie alla HRSC, vale a dire la fotocamera stereografica ad alta risoluzione, ne abbiamo ottenuto il volume. Nel calcolo della densità abbiamo avuto alcune sorprese: sembra infatti che alcune parti di Phobos possano essere vuote. Il team di scienziati spera di verificare e confermare questa conclusione preliminare.

In particolare, il radar MARSIS funzionerà con una speciale sequenza per cercare di vedere dentro la luna, alla ricerca di strutture o di indizi che possano svelarne la composizione interna. “Se riuscissimo a scoprire qualcosa di più su come è fatto Phobos, potremmo arrivare a capire come si è formato” afferma Witasse.

The High Resolution Stereo Camera (HRSC)

L’origine di Phobos è un mistero. Gli scenari possibili sono tre. Il primo prevede che questa luna sia un asteroide attratto. La seconda ipotesi presume che si sia formata in situ, esattamente come Marte, che si trova subito sotto. La terza ipotesi è che Phobos potrebbe essersi formata successivamente a Marte, costituita dai detriti rimasti nell’orbita marziana dopo la collisione di un grosso meteorite con il pianeta rosso.

Durante questa campagna saranno impiegati tutti gli strumenti a bordo, tra cui l’HRSC. Nonostante non sia possibile ottenere immagini durante i primi cinque sorvoli, tra cui quello più ravvicinato, poiché Mars Express si avvicinerà a Phobos dal lato notturno, dal 7 marzo in poi invece la fotocamera potrà scattare immagini ad alta risoluzione. Uno dei compiti della HRSC sarà quello di registrare i siti d’atterraggio proposti per la missione russa Phobos-Grunt.

“C’è sempre molto lavoro da fare” dice Witasse parlando della gestione della missione scientifica. "...ma i sorvoli di Phobos lo rendono ancora più stimolante”.

Aggiornamenti in tempo reale sulla campagna di sorvolo sono disponibili al sito Web Mars Express blog.

Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.