Rosetta, il cacciatore di comete, a un passo dalla Terra

Il passaggio ravvicinato di Rosetta alla Terra
25 Febbraio 2005

Il 4 marzo 2005 Rosetta, il cacciatore di comete dell'ESA , passerà in prossimità della Terra, offrendo ad astrofili e appassionati la possibilità di osservare lo spettacolo con telescopi o binocoli (se il cielo è sereno!). Più sotto trovate i dettagli del concorso fotografico 'Rosetta Up Close'.

Rosetta si sta avvicinando alla Terra dalla regione della volta celeste compresa tra le costellazioni del Leone e quella del Sestante, e, a partire dal 26 febbraio 2005, dovrebbe divenire visibile ai grandi telescopi amatoriali

Il maggiore avvicinamento alla Terra avverrà alle 23:10 CET circa, quando Rosetta, dopo avere superato l'Europa, sorvolerà il Messico a 1900 chilometri di altitudine.

In serata il momento di osservazione migliore per gli astrofili europei

La sera del 4 marzo anche gli astrofili europei che possiedono piccoli telescopi o binocoli avranno la loro migliore chance di osservare il fenomeno. Purtroppo la sonda non sarà visibile a occhio nudo dall'Europa, perché si manterrà sempre a circa 10 000 chilometri di altitudine, fino a sparire dietro l'orizzonte.

Tuttavia, tempo permettendo, gli astrofili con telescopi dotati di apparecchiature video o fotografiche avranno comunque un'ottima visuale e la possibilità di effettuare riprese eccezionali. Si potrebbe persino riuscire a distinguere i pannelli solari di Rosetta, che si estendono per oltre 32 metri, e la sua antenna ad alto guadagno.

Il 4 di marzo, dopo il tramonto, la sonda sembrerà procedere da Sud-Est a Sud-Ovest, muovendosi dalla costellazione del Sestante verso occidente e attraversando tutto l'arco celeste. Proseguirà poi più rapidamente, fino a sparire dietro l'orizzonte alle 23:00 CET. Vista dall'Europa, Rosetta raggiungerà solo una magnitudine di circa +8 o +9 sulla scala di luminosità utilizzata dagli astronomi: apparirà cioè meno luminosa di una tipica stella debole e non sarà chiaramente visibile ad occhio nudo.

Rosetta tra la Terra e Marte

Attraverso questa manovra attorno al nostro pianeta le tre tonnellate di Rosetta saranno catapultate in direzione di Marte, che incrocerà il 26 febbraio 2007, per tornare poi di nuovo verso la Terra. I passaggi ravvicinati ai pianeti sono necessari per accelerare la navicella attraverso una forte spinta gravitazionale, in modo che la sonda possa raggiungere, alla fine, la velocità orbitale della cometa di destinazione.

Questo è solo il primo dei quattro passaggi ravvicinati (tre con la Terra e uno con Marte) che la sonda effettuerà nel corso del suo lungo viaggio verso la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko. Rosetta raggiungerà la cometa nel 2014, entrerà nella sua orbita e vi lascerà cadere il lander Philae.

La Luna, 'finto' asteroide per i test di rilevazione

Durante l'attuale passaggio ravvicinato, sono in programma diverse attività per Rosetta: alcune ore prima del punto di maggiore avvicinamento, il veicolo spaziale verrà puntato verso la Luna. Tutti i sensori per l’osservazione da remoto e numerosi altri strumenti di bordo saranno poi attivati per eseguirne la taratura.

Dopo il passaggio ravvicinato, verrà accesa una delle due NAV-CAM per verificare le capacità di Rosetta di rilevare gli asteroidi, utilizzando la Luna come 'finto' asteroide. Rosetta è programmata per l'avvicinamento a due asteroidi: Steins nel settembre del 2008 e Lutetia nel luglio del 2010. In tali occasioni, verrà utilizzata questa stessa modalità di tracciamento per mantenere la strumentazione centrata sull'obiettivo.

Concorso fotografico 'Rosetta Up Close'

Tutti gli astrofili e gli appassionati sono invitati a presentare le proprie foto del passaggio di Rosetta per il concorso fotografico 'Rosetta Up Close' dell'ESA. Tutte le informazioni sul concorso, il regolamento, i premi e le procedure di presentazione delle opere saranno disponibili a breve sul sito Web dell'ESA.

Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.