La Soyuz TMA-6 e l'astronauta dell’ESA Roberto Vittori arrivano sulla Stazione Spaziale Internazionale

La Stazione Spaziale Internazionale (ISS)
17 Aprile 2005

ESA PR 21-2005. Il veicolo spaziale Soyuz TMA-6 ha completato con successo la manovra di aggancio con la Stazione Spaziale Internazionale (ISS). A bordo della Soyuz TMA-6 si trovano l'astronauta italiano dell'ESA Roberto Vittori, impegnato nella missione ENEIDE, oltre a due membri della ISS Expedition 11. Il veicolo spaziale si è agganciato al compartimento dedicato russo Pirs alle ore 04:20 CEST. Dopo il completamento dei controlli successivi alla fase di aggancio, il portello tra il veicolo spaziale e la ISS si è aperto alle 06:45 CEST.

La Soyuz TMA-6 è decollata dal Cosmodromo di Baikonur in Kazakistan due giorni fa con il Volo 10S. Durante il viaggio Vittori ha ricoperto l'incarico di ingegnere di volo della Soyuz, assumendo un ruolo attivo nel pilotaggio e nella manovra di aggancio del veicolo spaziale a fianco del comandante della Soyuz, il cosmonauta russo Sergei Krikalev. Krikalev ha già fatto parte della prima ISS Expedition nel 2000/2001 e sarà il comandante della ISS Expedition 11. Il terzo membro dell'equipaggio è l'astronauta NASA John L. Phillips, ingegnere di volo della ISS Expedition 11.

Vittori è il primo astronauta europeo ad avere l'onore di una seconda visita alla ISS. Vittori era già stato a bordo della ISS durante la missione Marco Polo, nel 2002. Durante la sua permanenza di 8 giorni sulla ISS, Vittori condurrà un articolato programma di esperimenti nel campo della fisiologia umana, della biologia, della tecnologia e della didattica. All'arrivo sulla ISS, uno dei primi compiti di Vittori dopo l'apertura del portello sarà quello di trasferire dalla Soyuz TMA-6 alla ISS le attrezzature e i campioni destinati agli esperimenti. Altre attrezzature per la missione sono state trasportate a bordo della ISS dalla navetta automatica Progress M-52, lanciata il 28 febbraio di quest'anno.

La missione ENEIDE è co-sponsorizzata dal Ministero della Difesa Italiano e dalla regione Lazio nel quadro di un accordo tra l'ESA e l'Agenzia Spaziale Federale Russa Roscosmos, pertanto molti degli esperimenti sono stati sviluppati da ricercatori italiani e preparati da industrie e istituti di ricerca italiani. Durante il primo giorno di permanenza a bordo, oltre al programma di esperimenti della missione ENEIDE, Vittori prenderà parte all'addestramento per le attività di comunicazione e di emergenza della ISS.

Eneide crew
A last wave from the crew before entering the Soyuz spacecraft

Il programma di esperimenti scientifici, dimostrazioni tecnologiche e attività didattiche di Vittori continuerà per tutta la durata della missione, che si concluderà quando l’astronauta dell’ESA farà ritorno a Terra con l'equipaggio della ISS Expedition 10, composto da Leroy Chiao e Salizhan Sharipov. L'atterraggio in Kazakistan di questo equipaggio è programmato per la mezzanotte (CET) del 24/25 Aprile. L'equipaggio farà ritorno utilizzando il veicolo spaziale Soyuz TMA-5 che per gli ultimi sei mesi è rimasto agganciato alla ISS come navetta di salvataggio della missione Expedition 10. Vittori giocherà un ruolo importante nelle operazioni di rientro, discesa e atterraggio del volo di ritorno della Soyuz TMA-5. La Soyuz TMA-5 ha portato l'equipaggio dell'Expedition 10 a bordo dell'ISS nell'ottobre del 2004. La Soyuz TMA-6 rimarrà agganciata alla ISS per i prossimi sei mesi come navetta di salvataggio dell'equipaggio ISS Expedition 11.

Informazioni sulla missione ENEIDE e sul suo stato di avanzamento sono disponibili all'indirizzo www.esa.int/eneide_it e www.spaceflight.esa.int/eneide/status.

Per ulteriori informazioni, contattare:

Franco Bonacina
Divisione relazioni con i media di ESA
Parigi (Francia)
Tel: +33 1 5369 7155
Fax: +33 1 5369 7690

Dieter Isakeit
Erasmus User Centre e Communication Office
Directorate of Human Spaceflight, Microgravity and Exploration Programmes
Noordwijk (Paesi Bassi)
Tel: +31 71 565 5451
Fax: +31 71 565 8008
e-mail: dieter.isakeit@esa.int

Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.