Space for Kids

Kids (it)
L'Universo
Vita nello Spazio
Tecnologia
Terra
 
 
lab
fun
news
Il Sole

L'aurora

Aurora borealis
Aurora borealis

Avete mai visto l'aurora? Una magnifica cortina di luce che increspa il cielo notturno, uno spettacolo grandioso e indimenticabile per chi ha la fortuna di assistervi. Ma da che cosa è prodotta l'aurora?

Inizia tutto dalla stella a noi più vicina, il Sole. Il Sole emana un'energia incredibile e produce costantemente quello che chiamiamo "vento solare", vale a dire un flusso di minuscole particelle. Queste particelle volano nello spazio e vengono deviate dal campo magnetico che circonda il pianeta Terra.

Normalmente tutto finisce qui, ma talvolta sul Sole si verificano enormi eruzioni, dette brillamenti solari, che rendono il vento solare ancora più potente. Quando questo accade, le particelle hanno tanta energia da scontrarsi con il campo magnetico della Terra!

Le particelle del vento solare seguono quindi il campo magnetico della Terra dirigendosi verso i poli nord e sud del pianeta e penetrando nei gas della nostra atmosfera. Tutta questa energia viene poi rilasciata sotto forma di luce! Le particelle del vento solare che collidono con l'ossigeno producono un fantastico colore verde. L'azoto crea delle belle sfumature di blu e di viola. Tutto questo produce l'aurora.

Oltre alla bellezza dell'aurora, il vento solare può però produrre altri effetti potenzialmente dannosi. Le particelle ad alta energia possono danneggiare i satelliti in orbita attorno al nostro pianeta e mettere a rischio la sicurezza degli astronauti. Possono inoltre causare black-out elettrici sulla Terra.

L'aurora non esiste soltanto sulla Terra. Anche altri pianeti del nostro sistema solare, come Saturno e Giove, possiedono dei campi magnetici che possono essere colpiti dalle particelle del vento solare proprio come accade sulla Terra! Vi piacerebbe volare su un altro pianeta e vederne l'aurora?

Curiosità: Aurora era il nome della dea dell'alba nella mitologia romana.

printer friendly page
 
Copyright 2000 - 2016 © European Space Agency. All rights reserved.