ESA title
Agency

Immagine EO della Settimana: I Monti Flinders, Australia Meridionale

31/07/2020 102 views 5 likes
ESA / Space in Member States / Italy

Le numerose curve colorate e le pieghe dei Monti Flinders - la più grande catena montuosa dell'Australia meridionale - sono rappresentate in questa immagine a falsi colori acquisita dalla missione Copernicus Sentinel-2.

I Monti Flinders sono un classico esempio di catena montuosa 'ripiegata', che si forma quando due o più placche tettoniche terrestri si scontrano – piegando e spingendo strati di terra a formare delle catene montuose.

La formazione dei Monti Flinders ha cominciato a svilupparsi circa 800 milioni di anni fa, quando un antico mare ha depositato sedimenti nel bacino geosinclinale conosciuto con il nome di Adelaide Geosyncline. Milioni di anni più tardi, i sedimenti furono ripiegati a formare delle montagne, che da allora si sono erose. Tuttavia, le rocce ripiegate sono rimaste e sono state sollevate a creare il paesaggio come lo vediamo oggi.

I Monti Flinders si estendono per oltre 400 km attraverso  l'entroterra australiano, il cosiddetto Outback – da Port Pirie al lago Callabonna. Il primo insediamento umano dei Monti Flinders furono gli Adnyamathanha, che popolarono la catena per decine di migliaia di anni.

L'area qui raffigurata mostra il Parco Nazionale della Catena di Vulkathunha-Gammon nei Monti Flinders Settentrionali. Le principali attrazioni dell'aspro parco includono profonde gole, abissi e una impressionante natura selvaggia. Numerosi torrenti appaiono come venature attraverso l'intera immagine, mentre le linee rette e bianche visibili nella parte inferiore destra sono delle strade sterrate.

Leggermente ad ovest dell'immagine qui riprodotta, si trovano le colline Ediacara, dove alcune delle più antiche testimonianze fossili di vita animale sono state scoperte.

La flora dei Monti Flinders è composta in gran parte da specie che si sono adattate all'ambiente semi-arido, incluso l'albero della gomma da zucchero, il cipresso-pino e il mallee. Da quando è avvenuta l'eradicazione dei dingo nell'area, il numero di canguri rossi, canguri grigi occidentali e wallaroo nelle montagne è aumentato.

Questa immagine, che fa parte del programma video Earth from Space, è stata acquisita il 31 dicembre 2019 dalla missione Copernicus Sentinel-2 – una missione composta da due satelliti per la copertura e la fornitura dei dati necessari per il programma europeo Copernicus. L'immagine è stata elaborata selezionando le bande spettrali che possono essere utilizzate per classificare le caratteristiche geologiche.

In collaborazione con Rivista Geomedia.

Related Links

Related Links