Conclusa felicemente la missione STS-122 Atlantis

Il perfetto atterraggio della Space Shuttle Atlantis
22 Febbraio 2008

21 febbraio 2008 (FD15). Con un perfetto atterraggio avvenuto sulla pista di atterraggio dedicato allo Shuttle del Kennedy Space Center in Florida si è conclusa la missione STS-122 Atlantis che può essere definita “storica”.

Frutto di un lavoro durato circa tredici anni Columbus (dalla conferenza spaziale ministeriale del 1995 che ha siglato l’atto di nascita di Columbus), al quale hanno collaborato varie industrie europee, rappresenta un territorio del vecchio continente nello spazio. Da oggi l’Europa possiede un laboratorio a circa 450 Km di quota dove poter svolgere esperimenti e ricerche.

La missione STS-122 che aveva tra i suoi protagonisti anche due astronauti dell’ESA (il tedesco Hans Schlegel ed il francese Léopold Eyharts) ha accumulato in totale 12 giorni 18 ore 21 minuti e 40 secondi di volo.

Schlegel è stato protagonista della seconda attività extraveicolare eseguita nel corso della missione. Il tedesco è il quarto astronauta dell'ESA dopo Philippe Perrin (Francia), Thomas Reiter (Germania) e Christer Fuglesang (Svezia)a compiere una EVA dall’inizio della costruzione della Stazione Spaziale Internazionale iniziata nel dicembre del 1998.

The STS-122 crew after landing
L'equipaggio STS-122 dopo l'atterraggio al Kennedy Space Center

A bordo della ISS è rimasto Léopold Eyharts che fa parte dell’equipaggio Expedition 16. Il suo ritorno a terra è previsto per il 27 aprile prossimo con la navetta Endeavour STS-123. Dopo di lui lavorerà sulla ISS, dal maggio del 2009, l’astronauta dell’ESA, di nazionalità belga, Frank De Winne la cui permanenza a bordo si aggirerà intorno ai 180 giorni.

L’equipaggio di Atlantis intanto, dopo un meritato periodo di riposo, inizierà tra pochi mesi un tour europeo che vedrà gli astronauti impegnati a visitare i maggiori centri che hanno collaborato a dar vita al laboratorio Columbus.

Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.