Satelliti e piattaforme orbitanti: ESA patrocina un master a Roma

Master logo
Master logo
27 Giugno 2002

L’Ing. Antonio Rodotà, Direttore Generale dell’ESA, in occasione della presentazione del Master in Satelliti e Piattaforme Orbitanti della Scuola di Ingegneria Aerospaziale dell’Università di Roma La Sapienza, incontra gli studenti nella conferenza dal tema “Il ruolo dei giovani ingegneri nelle attività spaziali europee”.

La conferenza avrà luogo presso l’Aula del Chiostro della Facoltà di Ingegneria, il 28 giugno alle ore 11.30. L’ingresso è aperto agli studenti di ingegneria.

L’ESA, che patrocina il Master, è impegnata nel campo delle scienze spaziali, dell’Osservazione della Terra, nelle telecomunicazioni, nella navigazione satellitare (Galileo) e nel segmento delle tecnologie spaziali, incluse piattaforme e stazioni orbitanti. Uno dei maggiori programmi dell’ESA riguarda le telecomunicazioni. ESA Telecom contribuisce a coordinare, distribuire e supportare le innovazioni europee e canadesi nella comunicazione satellitare. A questo scopo, l’ESA lavora a stretto contatto con molte organizzazioni commerciali ed industriali degli Stati Membri, sia quelle direttamente coinvolte nelle comunicazioni satellitari, sia quelle che si occupano di telecomunicazioni e di Tecnologia dell’Informazione.

“Il Master in Satelliti e Piattaforme orbitanti – ha affermato il Prof. Paolo Gaudenzi, direttore del Master - si propone di rispondere alle esigenze di formazione avanzata nell’ambito del settore spaziale anche in vista dello sviluppo di nuovi prodotti e servizi in settori di interesse quali telecomunicazioni, osservazione della Terra, supporto alla navigazione e al trasporto”.

Della durata di un anno, il corso è articolato in due semestri , il secondo dei quali dedicato a uno stage in azienda. Sono disponibili 10 borse di studio a copertura totale dei costi.

Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.