ESA title
Agency

Josef Aschbacher, Direttore Generale dell'ESA

604 views 7 likes
ESA / Space in Member States / Italy

Dal primo marzo 2021 Josef Aschbacher è diventato Direttore Generale dell'ESA.

Josef Aschbacher
Josef Aschbacher

Nato in Austria, ha studiato all'Università di Innsbruck, dove ha conseguito un Master e un Dottorato in Scienze Naturali. È stato ricercatore scientifico presso l'Istituto di Meteorologia e Geofisica dell'università dal 1985 al 1989.

Ha cominciato la sua carrriera in ESA nel 1990 come Young Graduate in ESRIN. Dal 1991 al 1993 è stato distaccato nel sud-est asiatico come Rappresentante ESA presso l'Istituto Asiatico di Tecnologia di Bangkok, Thailandia, dove ha iniziato importanti programmi di cooperazione tra la CE, ESA e il sud-est asiatico.

Dal 1994 al 2001 ha lavorato al Centro di Ricerca Congiunto della Commissione Europea presso ISPRA, l'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, in Italia, dove ricopriva il ruolo di Assistente Scientifico del Direttore dell'Istituto di Applicazioni Spaziali, con responsabilità per la strategia scientifica e lo stanziamento delle risorse. È rientrato presso la sede centrale dell'ESA, a Parigi, nel 2001 come Coordinatore di Programma, dove era il principale responsabile dell'avanzamento del programma Copernicus all'interno dell'ESA.

Nel 2006 è stato nominato Capo del Copernicus Space Office, con sede all'ESRIN vicino Roma, Italia, dove ha condotto tutte le attività Copernicus all'interno dell'Agenzia e con partner esterni, in particolare con la Commissione Europea.

Nel 2014 è stato promosso a Capo del Programma di Pianificazione e Coordinamento presso ESRIN, con responsabilità per la pianificazione dei programmi ESA di Osservazione della Terra e per formulare e implementare decisioni programmatiche e strategiche della Direzione. 

Nel 2016, Josef Aschbacher è stato nominato Direttore dei Programmi di Osservazione della Terra, la Direzione più ampia dell'ESA, e Capo di ESRIN, il centro ESA per l'osservazione della Terra. Sotto la sua guida, l'Europa ha sviluppato il principale programma di osservazione della Terra al mondo, che comprende tutte le missioni Sentinel nell'ambito del programma Copernicus guidato dall'UE, tutte le missioni meteorologiche per Eumetsat e le missioni Earth Explorer, Scout e phi-sat sviluppate per gli Stati Membri dell'ESA. Nel 2020, un totale di 40 satelliti sono stati sviluppati e l'ESA ha diffuso il più grande volume di dati di osservazione della Terra al mondo.