ESAEducationHomeTempo e climaCambiamento globaleCatastrofi naturali
   
Eduspace
Che cosa è Eduspace?Quali strumenti offre?
Selezionare lingua
Il telerilevamento
Cos’è il telerilevamento?Il telerilevamento approfonditoStoria dell’osservazione della TerraCartografia e dati dal satelliteOrbite satellitariSatelliti per l'osservazione della Terra
Risorse
Multimedia
Earth images galleryImage GalleryVideo Gallery
Services
Contact usRicerca in Eduspace
 
 
 
 
 
printer friendly page
Orbits
Satelliti meteorologici
Oggetto da osservare
 
Quando gli scienziati effettuano un telerilevamento, l’oggetto delle loro osservazioni è la Terra. A volte però la Terra è troppo grande per essere osservata tutta in una volta.

Prendiamo il caso della fotografia di una montagna: se siete troppo vicini alla montagna, non riuscite a vederla interamente attraverso l’obiettivo quindi potrete fotografarla solo in parte oppure, per poter scattare una foto di tutta la montagna, dovrete allontanarvi fino a che non la vedrete tutta.

Lo stesso avviene con i satelliti: per avere una fotografia dell’intera sfera terrestre, il satellite deve allontanarsi dal pianeta. Ma un satellite che percorre una sua orbita non può cambiare improvvisamente percorso. Quando serve un’immagine completa del pianeta (l’intero disco), si usa un satellite diverso posto su un’orbita più lontana.  
 
Earth's surface
Superficie terrestre
Nota : Dato che la Terra è una sfera, è impossibile vedere l’intero pianeta: si potrà vedere solo un lato alla volta. In un’immagine, quindi, la Terra appare come un disco.

Di volta in volta se gli scienziati vogliono avere una fotografia di una porzione più grande della superficie della Terra, programmano il sensore a bordo del satellite affinché catturi molte immagini l’una vicina all’altra. Effettuando un mosaico di immagini si può ottenere una visione di un’area più grande al suolo e persino dell’intero pianeta. Di conseguenza, in base all’immagine richiesta e all’orbita del satellite, ci sono due tipi principali di immagine possibili.

Nell’immagine in alto il satellite è posizionato su un’orbita relativamente lontana dalla Terra (± 36.000 km). È per questo che si può vedere l’”intero” pianeta.
 
 
Each square represents one image
Ogni quadrato rappresenta una sola immagine
In questa figura l’orbita del satellite è molto più vicina alla Terra (±800km). Ogni quadrato (nero e rosso) rappresenta un’immagine. Quando si uniscono varie immagini, per formarne una più grande, gli scienziati parlano di creazione di un 'mosaico' di immagini.
 
 
West London TM image
Immagine TM Londra occidontale
A volte gli scienziati vogliono osservare un elemento particolare più in dettaglio, 'zoomando' su una porzione piccola della superficie terrestre. Ancora una volta, possiamo riprendere l’esempio della fotografia di una montagna: se l’oggetto di vostro interesse è una casa con un fienile, dovrete avvicinare lo zoom alla montagna per vedere adeguatamente il dettaglio. Scattando un’immagine dell’intera montagna, la possibilità di riconoscere la casa e il fienile sarebbe minima.
 
 
West London aerial map
Fotografia aerea: Londra occidentale
L’immagine a sinistra è un’immagine satellitare di Londra. L’immagine a destra è una fotografia aerea di Londra. La scelta dell'immagine appropriata dipende dallo scopo che ci si prefigge. Per esempio, se si deve misurare la crescita di una città, l’immagine a sinistra (quella satellitare) è più appropriata, ma se si deve misurare la densità del traffico sul Tamigi, sarà migliore la seconda (fotografia aerea).

A volte gli scienziati hanno la necessitá di osservare alcuni fenomeni che si verificano sulla superficie della Terra. In questi casi dovranno avvicinare lo zoom e ingrandire un elemento particolare anziché una regione specifica.

Per esempio, potrebbero decidere di avvicinare lo zoom ad un uragano, un incendio della foresta o un’area colpita da inondazione. Dove le immagini dal satellite si possono utilizzare per osservare tipi specifici di elementi o eventi, si parla di applicazioni di quel satellite. Per esempio, una delle applicazioni del satellite ERS è di monitorare l’evoluzione del buco d’ozono sopra l’Antartide.
 
 
Buco dell'ozono sopra il Polo Sud, settembre 2001
L’esempio a sinistra mostra un’immagine del buco d’ozono sopra il Polo Sud. Il satellite ERS è provvisto di uno strumento in grado di misurare la quantità di ozono presente nell’atmosfera.

Più l’immagine è scura, minore è l’ozono misurato. E’ possibile vedere questo sopra l’Antartide dove l’immagine è così scura (ossia, c’è così poco ozono) che gli scienziati parlano di un buco nello strato d’ozono.



Siete in grado di citare o spiegare altre applicazioni del satellite?

* Risposta sotto

Per saperne di più sulle applicazioni dei satelliti, consigliamo di visitare le sezioni del sito Web di Eduspace relative ai Cambiamenti su scala globale e Monitoraggio dei disastri.
 
 
*Risposta : monitoraggio di incendi di foreste, cicloni tropicali, inondazioni, ecc.
 
 

 


Elementi di telerilevamento
Le piattaformeI sensoriLe informazioni contenute in un’immagine
 
 
 
   Copyright 2000 - 2014 © European Space Agency. All rights reserved.